L’atteso Monday Night della quinta giornata di Serie A finisce 3-3 tra Milan e Roma, per uno spettacolo davvero godibile. Nota stonata l’arbitraggio di Piero Giacomelli che, nel secondo tempo, ha fischiato due rigori inesistenti, uno per parte, senza peraltro essere aiutato dal VAR. Con questo pari i rossoneri restano in vetta con 13 punti a più due su Napoli e Sassuolo, mentre i giallorossi salgono a quota 8.

CRONACA MILAN-ROMA – Sul fronte formazioni ufficiali Stefano Pioli schiera il Milan con l’ormai consueto 4-2-3-1 in cui Ibrahimovic è supportato da Saelemaekers, Calhanoglu e Leao. In porta c’è Tatarusanu al posto di Donnarumma risultato positivo al Covid-19. Dall’altra parte Paulo Fonseca torna alla difesa a tre col recuperato Mancini di fianco a Ibanez e Kumbulla, mentre in avanti ci sono Pedro e Mkhitaryan sulla trequarti alle spalle di Dzeko.

Primo tempo, 1-1 al Meazza

La prima frazione di gioco parte subito col botto e il Milan in vantaggio dopo appena 2 minuti: ripartenza con Leao a sinistra, il suo pallone scodellato al centro trova sempre l’immancabile Ibrahimovic che anticipa Mirante con la punta del piede e fa 1-0. La Roma ha il merito di non scomporsi e già avvicinare il pareggio al 9′ quando Dzeko è chiuso in maniera provvidenziale da Kjaer. Al 14′ però è 1-1: corner a rientrare di Pellegrini, errore di valutazione per Tatarusanu che manca il pallone in uscita e Dzeko, anticipando Romagnoli, schiaccia in rete.

gol Dzeko, Milan-Roma

Il match torna in parità dunque e a cavallo della mezz’ora di riaccende. Prima è il Milan a sfiorare il nuovo vantaggio, con Romagnoli che impegna Mirante di testa. Sul terzo angolo di fila Kjaer svetta più in alto di tutti ma è il palo a ‘sputare’ fuori la zuccata del danese. Dall’altra parte invece Tatarusanu si riscatta, respingendo in maniera goffa un destro di Ibanez, ma poi con più stile sulla botta di Pellegrini. Nel finale di tempo non succede altro, con Giacomelli che manda tutti negli spogliatoi senza recupero sul punteggio di 1-1.

Secondo tempo, Giacomelli sbaglia tutto

Il secondo tempo si apre in maniera identica al primo, dato che il Milan al 47′ trova immediatamente il 2-1: affondo superbo di Leao a sinistra su Karsdorp che non può tenerlo, il suo pallone arretrato trova pronto Saelemaekers, il belga apre il piatto destro e fredda Mirante. E come nella prima frazione, la Roma poco dopo ha l’occasione per pareggiare ancora con Dzeko al 53′: ripartenza con Mkhitaryan a sinistra, l’armeno sul secondo palo trova il bosniaco, la cui conclusione finisce però alta. La stanchezza nelle due squadre c’è e si vede, con tanti contropiedi e giocatori che faticano a rientrare.

gol Ibrahimovic, Milan-Roma

Al 66′ arriva il primo cambio della partita, con Bruno Peres che rileva Karsdorp. All’improvviso però è l’arbitro Giacomelli a prendersi la scena, in negativo, fischiando due rigori, uno per parte, di fatto inesistenti, senza che il VAR (Nasca), poi, intervenga in suo aiuto. Il primo penalty è per la Roma al 71′, per un fallo in realtà di Pedro su Bennacer. Ma per l’arbitro è rigore che Veretout trasforma. Poco dopo Giacomelli pareggia i conti, concedendo un altro penalty per un tocco di Mancini su Calhanoglu, che non c’è. Dal dischetto Ibrahimovic spiazza Mirante e fa 3-2 al 79′.

Il match però regala ancora spettacolo, nonostante tutto. La Roma non si arrende e all’84’ arriva il 3-3: Cross di Veretout da corner, Ibrahimovic tocca il pallone che finisce sul secondo palo, dove Kumbulla in spaccata riesce a mettere in rete. Il Milan non ci sta e solo Mirante all’89’, con un grande intervento, dicendo no a Kessié impedisce il nuovo sorpasso ai rossoneri. L’ultimo brivido è un colpo di testa di Romagnoli che termina di un soffio sul fondo.

Info Serie A 2020-2021

LA CLASSIFICA DI SERIE A

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2020-2021