L’ottava giornata di Serie A si apre con i fuochi d’artificio, quelli regalati allo stadio Olimpico da Lazio e Atalanta. Finisce 3-3 a Roma un match spettacolare e con tanti episodi. Primo tempo senza storia con gli orobici avanti 3-0 con la doppietta di Muriel e il gol di Gomez, nella ripresa cambia tutto con Immobile (doppietta su rigore) e Correa che fanno 3-3.

LA CRONACA DELLA PARTITA – Il primo anticipo della ottava giornata di Serie A mette di fronte, allo stadio Olimpico di Roma, la Lazio di Simone Inzaghi e l’Atalanta di Gian Piero Gasperini. La Lazio vuole tornare alla vittoria per accorciare con chi sta davanti in classifica. Il passo dei biancocelesti sin qui non è stato propri forsennato, con 11 punti conquistati in sette giornate. Nell’ultimo turno prima della sosta Immobile e compagni hanno pareggiato per 2-2 a Bologna. Dall’altra parte c’è un’Atalanta terza in classifica con 16 punti e a meno tre dalla Juventus capolista, con la ghiotta occasione di salire addirittura in vetta per qualche ora, ottenendo un successo all’Olimpico. Orobici sempre più realtà del nostro campionato e reduci dal netto 3-0 rifilato in casa al Lecce.

Sul fronte formazioni ufficiali, Simone Inzaghi punta come sempre sul 3-5-2. Davanti a Strakosha linea a tre con Luiz Felipe, Acerbi e Radu. In mezzo al campo Marusic, Milinkovic-Savic, Parolo, Luis Alberto e Lulic, mentre in avanti Correa a sostegno di Immobile. Risponde Gian Piero Gasperini col modulo ormai noto 3-4-2-1. Gollini tra i pali con difesa a tre composta da Toloi, Palomino e Masiello. In mediana Hateboer e Gosens laterali, con de Roon e Freuler al centro, mentre trequartisti Gomez e Malinovskyi alle spalle di Muriel.


Primo tempo, Atalanta show


esultanza gol Muriel, Lazio-Atalanta

Il match inizia con un’Atalanta padrona del campo e già vicina al vantaggio al 12’ con Strakosha che salva su Pasalic. La Lazio è costantemente sulla difensiva, ma i nerazzurri arrivano da tutte le parti. Il gol ospite è nell’aria e puntuale arriva al 23’: gran percussione di Gosens che dalla sinistra si accentra, verticalizzazione del tedesco per Muriel che controlla un paio di volte e calcia  col destro sul secondo palo, Strakosha non può farci nulla. La Lazio non ci capisce granché e ancora Muriel al 28’ fa 0-2: punizione calciata dal colombiano a giro col destro dalla sinistra, a centro area non tocca nessuno e Strakosha viene superato nuovamente.

Piovono fischi sull’Olimpico per una Lazio completamente travolta e incapace di reagire. Anzi l’Atalanta non si ferma e Strakosha al 34’ compie una gran parata a mano aperta sulla punizione calciata col mancino da Malinovskyi. Gli orobici imperversano e al 37’ è 3-0: Luis Alberto cerca Immobile anticipato a metà campo da Toloi, il tocco del brasiliano diventa un perfetto assist per Gomez, l’argentino si presenta davanti a Strakosha e lo fredda con un perfetto rasoterra mancino in diagonale. Dominio totale dell’Atalanta col quale si va all’intervallo.


Secondo tempo, rimonta Lazio


Milinkovic-Gosens, Lazio-Atalanta

Il secondo tempo si apre con un doppio cambio nella Lazio, dentro Patric per Marusic e Cataldi per Parolo. Il match è totalmente nelle mani dell’Atalanta, che però inizia a controllare troppo e a giocare solo col cronometro. Un calo di tensione che la Lazio non sfrutta immediatamente, solo per l’imprecisione dei suoi attaccanti. Infatti al 57’ Correa dopo un bel slalom davanti a Gollini mette alto col sinistro. Gasperini al 60’ manda in campo De Roon per Pasalic, ma è ancora Lazio al 65’ con questa volta Immobile a sprecare sotto porta. Entra anche Ilicic per Muriel, ma la Lazio al 69’ accorcia le distanze quando Palomino atterra Immobile in area con un pestone. Dal dischetto lo stesso numero 17 spiazza Strakosha e fa 1-3.

Il tempo di rimettere il pallone in gioco e la contesa si riapre col gol del 2-3 di Correa a 70’: lancio di Cataldi e sponda aerea di Immobile, l’argentino brucia in velocità Freuler e con un gran destro infila Gollini sotto la traversa. La Lazio continua ad attaccare, con Caicedo al posto di Radu, e solo un grande Gollini evita il 3-3 prima sul destro di Luis Alberto e poi sul colpo di testa di Correa. L’Atalanta non rinuncia e in contropiede sfiora il poker con Gosens e Malinovskyi all’83’, poi ancora al 90’ con un’interminabile azione ma con giocatori stanchissimi. E al 91’ arriva un altro rigore per la Lazio, con De Roon che ingenuamente si fa attaccare alle spalle da Immobile atterrandolo: dal dischetto Immobile incrocia il destro, Gollini tocca ma non basta. Finisce 3-3, l’Atalanta spreca così la grande occasione di salire, almeno momentaneamente, in vetta alla classifica.


Info Serie A 2019-2020

LA CLASSIFICA DI SERIE A 2019-2020

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2019-2020