La Juventus, dopo il pari di sabato scorso a Verona, ritrova la vittoria nell’anticipo della 25esima giornata di Serie A. I bianconeri, soffrendo anche per vari tratti del match l’intensità dello Spezia, si sono imposti per 3-0 con le reti di Morata al 62′, Chiesa al 71′ e Ronaldo all’89’. La formazione di Pirlo si conferma al terzo posto con 49 punti, a meno tre dal Milan e meno sette dall’Inter, in attesa dei match di rossoneri e nerazzurri.

CRONACA PARTITA – Sul fronte formazioni ufficiali, Andrea Pirlo con molte assenze ripropone McKennie, con Chiesa, Bentancur e Rabiot a completare la mediana. Confermata la coppia d’attacco Kulusevski-Ronaldo, in difesa torna Danilo ma perde De Ligt nel riscaldamento, così al suo posto c’è Frabotta con Alex Sandro centrale. Dall’altra parte Vincenzo Italiano lancia a centrocampo Sena titolare con Estevez e Maggiore, mentre nel tridente offensivo torna Nzola dal 1′ con Farias e Gyasi ai suoi lati.

Primo tempo, lo Spezia gioca bene

La prima frazione di gioco si chiude senza reti, ma intensità e buone trame non mancano. Specie nei primi trenta minuti lo Spezia gioca a grande velocità e di fatto chiude la Juventus nella propria metà campo, ripercorrendo un po’ quanto fatto contro il Milan qualche settimana fa. I padroni di casa fanno fatica ad accorciare sui fraseggi a centrocampo dei liguri, i quali liberano poi sull’esterno un paio di volte Marchizza, facendo correre a Szczęsny qualche rischio.

Nzola-Demiral, Juventus-Spezia

Nell’ultimo quarto d’ora però la formazione di Pirlo, anche per un vistoso calo del pressing ospite, riesce a giocare più liberamente e nella metà campo offensiva. Soprattutto Chiesa e Kulusevski riescono a rendersi pericolosi, anche se l’occasione più grande dei primi 45′ è quella a firma Cristiano Ronaldo: il portoghese, minuto 42, disorienta un avversario con una serie di finte e conclude con il collo verso il secondo palo, colpendo però il legno alla sinistra di un proteso Provedel. All’intervallo si va dunque a reti inviolate.

Secondo tempo, Bernardeschi e Morata decisivi

Il secondo tempo si apre senza cambi e con un grande rischio per lo Spezia: Vignali dosa male il retropassaggio per Provedel, McKennie anticipa il portiere con un tocco a metà tra un cross e un tiro che viene però allontanato. Le difficoltà del primo tempo però permangono e allora Pirlo al 61′ rompe gli indugi operando un doppio cambio con Bernardeschi per Frabotta e Morata al posto di McKennie. Una doppia scelta azzeccata, dato che subito dopo arriva l’1-0: lancio profondo di Alex Sandro per Bernardeschi che sfugge a Vignali, pallone perfetto al centro a pescare sul primo palo il taglio di Morata che gira in rete. Un gol annullato prima dalla bandierina alzata del guardalinee, ma poi convalidato dal VAR.

Lo Spezia reagisce anche bene, ma gli spazi in contropiede per la Juventus non mancano e al 71′ è subito 2-0: ancora Bernardeschi affonda sulla sinistra e serve Chiesa in mezzo, l’ex viola inizialmente si fa respingere il tiro da Provedel ma poi è il più lesto in caduta a ribadire in rete. Dopo il gol lo stesso Chiesa viene sostituito da Ramsey, mentre dall’altra parte Italiano manda in campo Galabinov, Acampora e Verde. Il finale di match regala ancora un gol per la Juventus, ossia il 3-0 firmato da Ronaldo all’89’ con un perfetto diagonale, e il rigore parato al 96′ da Szczęsny a Galabinov (fallo di Demiral su Gyasi e concesso dall’arbitro Sacchi col VAR). Finisce così, missione compiuta per i bianconeri adesso attesi dal fondamentale match di sabato prossimo contro la Lazio.

Info Serie A 2020-2021

LA CLASSIFICA DI SERIE A

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2020-2021