Succede di tutto nell’anticipo del Franchi: il Napoli s’impone per 4-3 sulla Fiorentina!

Spettacolo, gol ed emozioni a raffica al Franchi nel secondo anticipo della prima giornata di Serie A: alla fine il Napoli ha superato 4-3 la Fiorentina

gol Mertens, Fiorentina-Napoli

Il Napoli risponde presente alla Juventus e si porta a casa i primi tre punti della Serie A 2019-2020, al termine di un match incredibile e ricco di episodi. Alla fine è 4-3 all’Artemio Franchi contro la Fiorentina, per una sfida al cardiopalma e in cui non sono mancate nemmeno le discussioni arbitrali per le decisioni del direttore di gara Massa e dei suoi assistenti al VAR. Per i viola sono andati a segno Pulgar, Milenkovic e Boateng, per gli azzurri Mertens, Callejon e Insigne con una doppietta.

CRONACA DELLA PARTITA – La Fiorentina arriva super carica a questa sfida, col grandissimo entusiasmo generato dall’arrivo di Franck Ribery in viola. Un ‘regalo’ autentico quello fatto alla piazza gigliata dal nuovo presidente Rocco Commisso. Dal canto suo il Napoli non vuole nascondersi e le parole di Carlo Ancelotti in conferenza stampa la dicono lunga. I partenopei vogliono lottare per lo scudetto e pressare da vicino la Juventus, con una rosa rafforzata dagli arrivi specialmente di Manolas e Lozano.

Sul fronte formazioni ufficiali, Vincenzo Montella schiera la Fiorentina col solito modulo 4-3-3. Davanti a Dragowski ci sono Lirola, Milenkovic, Pezzella e Venuti. In mezzo al campo Castrovilli, Badelj e Pulgar, col tridente offensivo formato da Chiesa, Vlahovic e Sottil. Dall’altra parte Carlo Ancelotti risponde col modulo 4-2-3-1, per un Napoli a trazione anteriore che vede davanti a Meret, il quartetto composto da Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly e Mario Rui. Davanti alla difesa Zielinski e Allan, con Callejon, Fabian Ruiz, Insigne a sostegno di Mertens.

Primo tempo, Napoli avanti 2-1

gol Pulgar, Fiorentina-Napoli

Il match inizia subito col ‘botto’, perché dopo 5 minuti arriva l’episodio che sblocca la sfida. Pallone che si alza in area di rigore partenopea, Chiesa prova il controllo e la conclusione, infrangendosi su Manolas. Proteste poi per un sospetto controllo di Zielinski in area di rigore col braccio, Massa fa proseguire prima di essere chiamato a visionare le immagini al VAR. E per l’arbitro ligure è rigore, tra le proteste degli ospiti, dagli undici metri Pulgar spiazza Meret e all’8’ è 1-0 per la Fiorentina. Un gol che ha il potere di esaltare i viola, trascinati dal Franchi, e mandare in apprensione il Napoli. I partenopei continuano a soffrire, non riuscendo a creare gioco. Tra l’altro grande nervosismo tra i partenopei, tanto che Massa nei primi 24 minuti va ad ammonire Allan, Callejon e Mario Rui.

Il Napoli la ribalta in 5 minuti

Per vedere un primo pericolo dalle partii di Dragowski bisogna aspettare il 31’, quando è Koulibaly a provarci, sugli sviluppi di un corner, murato però in corner da Pulgar. Nel finale di tempo però, il Napoli ribalta il punteggio. Il pari arriva al 38’: Insigne serve Mertens al limite, il belga resiste a Badelj, si gira e fa partire un destro a giro che si spegne sotto l’incrocio dei pali alla sinistra di Dragowski, che tocca e non riesce a deviare fuori. Non perfetto l’intervento del portiere polacco. Al 43’ il Napoli va sul 2-1: Mertens va giù in area di rigore, dopo una serie di rimpalli in area, a seguito di un contatto con Castrovilli. Anche questa volta Massa indica il dischetto per il secondo rigore di serata, con tanti dubbi a riguardo. Dagli undici metri Insigne non sbaglia e il Napoli va sul 2-1.

Secondo tempo, succede di tutto

esultanza gol_Insigne, Fiorentina-Napoli

Il secondo tempo si gioca su ritmi altissimi e con due squadre ad affrontarsi senza tatticismi. E il risultato ovvio è che i gol arrivino a raffica. Minuto 51 e la Fiorentina trova il 2-2: a realizzare per i viola è Milenkovic con un colpo di testa di sugli sviluppi di un corner dalla destra calciato da Pulgar. Ma cinque minuti dopo il Napoli si riporta avanti: pallone recuperato da Zielinski e servizio per Insigne, imbeccata per Callejon e diagonale immediato col destro dello spagnolo a freddare Dragowski per il 3-2 dei partenopei. Al 62’ Montella manda in campo Boateng per Vlahovic. Il ghanese ci mette poco ad entrare in partita e al 65’ segna il 3-3: Pulgar serve Castrovilli, tocco rapido verso Boateng, che si coordina e fa ‘esplodere’ un destro che batte inesorabilmente Meret.

Finale tesissimo al Franchi

Ma non c’è spazio per le attese e al 67’ Napoli sul 4-3: pallone straordinario di Mertens per Callejon largo a destra, lo spagnolo taglia alle spalle di Venuti e appoggia al centro dove Insigne, tutto solo, deposita facilmente di testa in rete. Al 72’ Ancelotti manda in campo Ghoulam per Mario Rui ed Elmas per un Allan sottotono. Montella si gioca il tutto per tutto, inserendo Benassi per Badelj ma soprattutto Ribery per Sottil. Il finale di match è comunque teso, con Ancelotti che manda in campo anche Hysaj per Mertens nel tentativo di ‘coprirsi’ e marcare da vicino l’ex Bayern. E proprio tra i due, al 92’, c’è un contatto con l’albanese che trattiene Ribery, iniziando fuori e terminando in area di rigore. Ma per Massa non c’è nulla, tra le proteste di Montella che viene anche ammonito. Finisce 4-3 per il Napoli, per una partita dalle mille emozioni.

Info Serie A 2019-2020

LA CLASSIFICA DI SERIE A 2019-2020

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2019-2020