La settima giornata di Serie A è proseguita (1-1 all’ora di pranzo fra Lazio e Juventus), in questa domenica 8 novembre, con tre match giocati alle ore 15:00. Il big match del Gewiss Stadium ha visto pareggiare 1-1 Atalanta e Inter, con le reti nella ripresa di Lautaro Martinez e Miranchuk. Invece successo esterno per 3-1 della Roma al Ferraris contro il Genoa, con Mkhitaryan pratogonista assoluto con una tripletta. Alle 18.00 invece successo di misura per 1-0 del Napoli a Bologna, con la rete decisiva di Osimhen nel primo tempo. Infine nel posticipo del Meazza gol, emozioni e spettacolo nel 2-2 tra Milan e Verona.

Milan-Verona 2-2

Primo tempo decisamente spettacolare al Meazza e che il Verona chiude avanti per 2-1. Gli scaligeri passano in vantaggio già al 6’: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Ceccherini svetta a centro area e, di testa, colpisce una clamorosa traversa prima che Barák, più lesto di tutti, realizzi il tap-in vincente con un tocco da due passi. Il Milan abbozza una reazione, ma al 19’ arriva il 2-0 Verona: calcio di punizione dalla sinistra respinto dalla retroguardia rossonera, il pallone arriva sui piedi di Zaccagni che, dal limite, calcia a rete di prima intenzione, la deviazione di Calabria spiazza inesorabilmente Donnarumma e palla nel sacco.

gol Zaccagni, Milan-Verona

Il Milan non ci sta e al 27’ riapre la contesa: Saelemaekers crossa al centro,  l’inserimento di Kessié è vincente con una deviazione col sinistro che, prima di finire in rete, è toccata in maniera decisiva da Magnani. Poco dopo grande chance per il pari rossonero con Theo Hernandez, ma Silvestri dice no e all’intervallo si va sul 2-1 ospite. Il secondo tempo è un assedio del Milan alla porta gialloblu, con tantissime chance, errori e sfortuna per i rossoneri. Ibrahimovic calcia alle stelle un rigore al 66′, Silvestri compie almeno tre parata miracolose. Al 77′ invece lo svedese trova l’incrocio dei pali di testa, prima di un gol annullato col VAR a Calabria al 90′. Ma il 2-2 arriva comunque al 94′: Brahim Díaz crossa al centro per Ibrahimović che, a centro area, trafigge Silvestri con un preciso colpo di testa.

Atalanta-Inter 1-1

La prima frazione di gioco al Gewiss Stadium non regala grandi emozioni. Ritmi non esaltanti e squadre che si affrontano con rispetto, non dando il fianco a facili ripartenze. Al minuto 8 Romero compie un grande intervento salvando su Sanchez prima della battuta a rete del cileno, mentre dall’altra parte Handanovic è chiamato in causa al 18′ smanacciando un insidioso tiro-cross di Freuler. La vera chance per sbloccare il punteggio nel primo tempo è dell’Inter al 24′: splendido inserimento di Vidal che salta più in alto di tutti su un cross di Bastoni e colpisce bene, anche se il pallone finisce alto di pochissimo. All’intervallo è 0-0.

Gomez-Vidal, Atalanta-Inter

Nel secondo tempo l’intensità sale di giri e al 58′ l’Inter trova il vantaggio: cross perfetto a rientrare di Young dalla sinistra, Lautaro Martinez gira di testa all’angolino e fa 1-0, con Sportiello immobile. L’Atalanta accusa il colpo ma viene tenuta in piedi dal proprio portiere al 64′, salvando in rapida successione su Vidal e Barella. Gasperini nel frattempo manda in campo prima Miranchuk per Malinovskyi, poi Lammers per Toloi e Muriel per Zapata. Dall’altra parte arriva anche il momento di Perisic e Lukaku al 74′. E la pressione offensiva dell’Atalanta è premiata al 79′: Muriel imbuca al limite per Miranchuk, il russo caracolla prima di calciare un mancino angolatissimo per l’1-1.

Genoa-Roma 1-3

Allo stadio Ferrari è la Roma a fare la partita, creando diverse occasioni. La più grande arriva al 19′ (poco prima fuori Spinazzola per infortunio), con Perin che devia contro la traversa un mancino splendido dal limite di Mkhitaryan. Quando l’intervallo sta per arrivare, però l’armeno trova la rete dell’1-0 giallorosso al 47′: calcio d’angolo battuto da Veretout dalla destra, Mkhitaryan lasciato da solo colpisce di testa nell’area piccola e non lascia scampo a Perin.

gol Mitakarian, Genoa-Roma

Il secondo tempo comincia però male per la Roma, dato che il Genoa al 50′ trova l’1-1: Scamacca si abbassa e serve un bellissimo assist tra le linee a Pjaca, che regge l’urto contro Ibanez e batte Pau Lopez. L’inerzia sembra passare nelle mani dei rossoblu, invece al 67′ ancora Mkhitaryan fa 2-1 Roma: Bruno Peres serve d’esterno l’armeno che brucia Radovanovic e fredda Perin. Il Genoa prova a riportarsi in parità, ma la straordinaria giornata di Mkhitaryan si completa all’85’, col numero 77 che in semisforbiciata, sull’assist di Pedro, sigla tripletta personale e 3-1.

Torino-Crotone 0-0 e Bologna-Napoli 0-1

Primo tempo senza occasioni o quasi all’Olimpico, col Torino a fare la partita ma non creando pericoli. Anzi al 46′ è Sirigu a dover metterci una pezza sulla botta precisa di Pereira. Nella seconda frazione di gioco la sfida si accende, con chance da rete per entrambe e con un Crotone pericoloso con Messias. Gli ultimi minuti vedono i granata spingere più forte con l’espulsione di Lupero all’88’.

Nel primo posticipo invece successo del Napoli al Dall’Ara di Bologna per 1-0, con i partenopei adesso al terzo posto in classifica con 14 punti. A decidere la contesa un gol di Osimhen al 23′, bravo a farsi trovare pronto e insaccare di testa il perfetto cross di Lozano. Dopo un gol annullato col VAR a Koulibaly ad inizio ripresa, nel finale tripla clamorosa chance per il pari emiliano, con decisivi i salvataggi di Ospina e Hysaj su Orsolini e Palacio, prima del destro da fuori di Svanberg a fil di palo.

Info Serie A 2020-2021

LA CLASSIFICA DI SERIE A

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2020-2021