Udinese-Milan, Giampaolo: “Ho bisogno di tempo, ma saremo competitivi. Mercato? Può succedere di tutto…”

Alla vigilia del primo impegno ufficiale contro l'Udinese, il tecnico del Milan, Marco Giampaolo, ha parlato in conferenza stampa

Marco Giampaolo, allenatore Milan

Il Milan è pronto a ripartire e la nuova Serie A 2019-2020 dei rossoneri si apre alla Dacia Arena per affrontare l’Udinese. Tante le incognite in casa milanista, con Marco Giampaolo che andrà a mettere in campo una squadra praticamente senza ‘volti nuovi’. Una scelta dettata dal cercare di puntare sull’esperienza della vecchia guardia e dare tempo ai nuovi acquisti di calarsi nella mentalità rossonera.

Giampaolo in conferenza stampa

Alla vigilia della trasferta di Udinese (diretta tv e streaming), lo stesso Giampaolo è intervenuto in conferenza stampa per presentare il match. Partendo da un punto della situazione generale:

“Il lavoro lo abbiamo portato avanti così come lo abbiamo programmato, sono arrivati in ritardo alcuni calciatori. Quando comincia il campionato le sedute diminuiscono e chi è arrivato tardi ha bisogno di più tempo. Con i ragazzi con cui abbiamo cominciato l’avventura abbiamo lavorato sui dettagli, gli ultimi arrivati sono più indietro. Questo lo sapevo già, non è una cosa nuova per me. Anche gli ultimi arrivati stanno lavorando bene. Ho una visione, ho l’idea di dove bisogna arrivare e attraverso quali step. Ho bisogno di tempo per lavorare coi calciatori, un modello di gioco che portiamo avanti senza passi indietro anche di fronte alle difficoltà. I giocatori mi seguono e non possiamo fare altre che migliorarci”.

Poi sulla possibile formazione: “Giocano quelli che stanno meglio sul piano fisico e delle conoscenze collettive. Magari staranno fuori giocatori forti ma di cui oggi non conosco ancora la condizione. Bennacer non stava male quando è arrivato, ha lavorato a casa, può fare uno spezzone di partite, ci sarà modo di inserire tutti gli altri. Abbiamo la necessità di portaretutti nel nostro progetto. Il Milan deve essere competitivo, scendono in campo undici giocatori veri. Le partite si giocano anche sulla voglia di vincere e si va oltre gli aspetti tecnico tattici, domani la squadra deve essere competitiva”.

Giampaolo sul calciomercato del Milan

Un Giampaolo che ha parlato, ovviamente, anche di calciomercato. Partendo dalla possibile conferma di Suso: ” Il calcio non è soltanto un parere tecnico, ho allenato un calciatore ed esprimo un parere tecnico. Ha giocato sempre esterno e nella visione di tutti è un esterno. Anche io all’inizio avevo qualche dubbio, ma il calciatore mi ha dato ampie disponibilità, ha fatto cose egregie lì. I giocatori forti offensivi possono giocare ovunque. Suso non ha mai fiatato, non si è mai rifiutato. Sono felice che resti ma il mercato non è chiuso e può succedere di tutto“.

Sulle possibili mosse di mercato: “I dirigenti sono stati grandi calciatori, conoscono le dinamiche. Non gli manca il punto di vista tecnico, quando mi confronto con loro vengono fuori delle raffinatezze. Sanno bene cosa fare”.

LE ULTIME NOTIZIE SUL MILAN