Serata trionfale per il Real Madrid, che ha alzato questa sera al cielo la quattordicesima Champions League della propria storia. I Blancos si sono imposti di misura per 1-0 contro il Liverpool, con il gol decisivo messo a segno da Vinicius. Da segnalare nel primo tempo anche un gol annullato per fuorigioco a Benzema. Decisivo anche Courtois, più volte decisivo con i suoi interventi.

Real Madrid, le parole di Ancelotti

Il tecnico del Real Madrid, Carlo Ancelotti, ha parlato del trionfo in Champions League di questa sera, svelando qual è stata la chiave del match. Queste le sue parole, rilasciate ai microfoni di Mediaset:

Vittoria speciale: “Abbiamo vinto, siamo felicissimi e non ci sono molte parole. La Champions League che abbiamo fatto quest’anno è stata molto difficile. Se ho vinto vuol dire che sono stato bravo, aiutato da una grande squadra e da grandi giocatori. Due le ho vinte con il Milan e due con il Real che sono le squadre che ne hanno vinte di più. Tutte le vittorie hanno un sapore speciale, quella di oggi è stata una sorpresa per tutti perché nessuno diceva che noi potessimo vincere”.

La chiave: “Piano piano ci abbiamo cominciato a credere. La chiave della partita era uscire bene da dietro, su un’uscita da dietro abbiamo fatto gol”.

Quando ha pensato di vincere la Champions: “Quando siamo saltati fuori dalla partita contro il Manchester City sicuramente abbiamo cominciato a crederci. Dopo quella partita le nostre possibilità sono iniziate ad aumentare”.

La forza di Benzema e non solo

esultanza gol Benzema, Real Madrid-Manchester City

Il tecnico del Real Madrid ha sottolineato la qualità di Benzema, oltre alla differenza con il Milan:

La forza di Benzema: “La differenza di questa squadra non è stata tanto la qualità individuale di Benzema ma la sua umiltà. Abbiamo giocatori d’esperienza e altri molto giovani, Courtois oggi ha fatto dei miracoli, su Benzema tutti dicono che ha fortuna ma tutti quelli che vincono ne hanno”.

Scegliere tra Milan e Real Madrid: “Le ho amate entrambe, dicono che il calcio è cambiato, ma sono ancora i giocatori a fare la differenza. Il Liverpool è cresciuto tanto e sicuramente sarà un rivale anche per il futuro. Contro di loro siamo 2-2, magari l’anno prossimo facciamo la bella”.