MotoGP Austin 2019: trionfa Rins, superando Rossi nel duello! Marquez caduto, Dovizioso è 4°

    Il Mondiale 2019 di MotoGP ha affrontato la terza gara stagionale negli Stati Uniti in quel di Austin: risultati, ordine di arrivo e classifica piloti

    921
    Prossima gara MotoGP Malesia 2018: orari, date e differita TV8 | Gp Sepang

    ORDINE DI ARRIVO MOTOGP AUSTIN 2019 – Risultati gara e ordine di arrivo del Gran Premio di Austin, terza gara del Mondiale di MotoGP 2019 che si svolge negli Stati Uniti in Texas. A partire dalla pole position era Marc Marquez, ma lo spagnolo è incappato in una caduta a 11 giri dal termine quando stava dominando. A quel punto il duello per la vittoria tra Rins e Rossi, con lo spagnolo che ha effettuato il sorpasso decisivo a 4 tornate dal termine. A podio anche Miller, mentre Dovizioso ha chiuso 4°.

    Risultati gara MotoGP Austin 2019, ordine di arrivo

    ORE 21:42 – FINISCE QUI! Vince Alex Rins davanti a Valentino Rossi che ci ha provato sino alla fine, ma senza risultati. A podio anche Jack Miller, poi a seguire Dovizioso, Morbidelli, Petrucci, Quartararo, Pol Espargaro, Bagnaia e Nakagami per la Top Ten.

    2 giri al termine – Rins ha provato ad allungare arrivando sino a sette decimi di vantaggio su Rossi, ma il pesarese non molla e torna a 4 decimi.

    4 giri al termine – Rins effettua il sorpasso su Rossi e balza al comando. Vediamo adesso la reazione del pesarese.

    7 giri al termine – Sarà duello per la vittoria tra Rossi e Rins, ormai ampiamente avanti a tutto il gruppo, che non ha più al suo interno Jorge Lorenzo fuori per un problema alla sua Honda. Al terzo posto c’è Miller, poi Dovizioso quarto, Morbidelli quinto e Petrucci sesto.

    10 giri al termine – Valentino Rossi è in testa con 580 millesimi di vantaggio su Rins, poi più attardati Miller, Morbidelli, Dovizioso, Petrucci e Quartararo.

    11 giri al termine CLAMOROSO!!! Caduta di Marc Marquez quando aveva 4 secondi di vantaggio su Rossi, Rins e Miller. Lo spagnolo prova a ripartire con la sua Honda, ma non ci riesce ed è costretto al ritiro.

    15 giri al termine – Caduta di Cal Crutchlow e gara compromessa per il britannico che stava lottando con Rossi per la seconda piazza.

    16 giri al termine – Marquez allunga e vola a 2.2 secondi da Rossi, col pesarese tallonato da Crutchlow. A seguire ci sono Miller, Rins, Morbidelli, Dovizioso.

    19 giri al termine – La situazione aggiornata: Marquez, Rossi, Crutchlow, Miller, Rins e Dovizioso, col forlivese subito protagonista di un grande primo giro.

    ORE 21:01 – SI PARTE!

    ORE 20:58 – Inizia il classico giro di ricognizione, sale l’attesa prima della partenza del Gp degli Stati Uniti.

    Qualifiche ufficiali, la pole è di Marquez

    Il più veloce dunque nella Q2 decisiva per aggiudicarsi la pole position è stato Marc Marquez, molto fiducioso di poter fare bene anche in gara:
    “Sono davvero contento del mio risultato. Oggi, sicuramente, è stata una giornata strana. In mattinata è caduta tantissima pioggia, quindi siamo arrivati alle qualifiche e la pista era cambiata rispetto a ieri. Come se non bastasse, poi, tirava un vento fortissimo e la moto si scuoteva persino in rettilineo. Molti avversari sono più vicini rispetto al solito e quindi non sarà semplice. Fortunatamente il vento sparirà e mi aspetto una bella gara. Vedremo chi sarà il rivale numero uno, ma Valentino Rossi è secondo e ci proverà sicuramente”, (diretta streaming e griglia di partenza).

    Dalla seconda piazza parte invece Valentino Rossi, con il pesarese che ha parlato in vista della gara: “Sono contento, siamo stati veloci per tutte le prove. Mi sento bene con il bilanciamento della moto, domani bisognerà fare la scelta giusta delle gomme. Oggi non abbiamo lavorato sul passo gara. Con le morbide vado bene, ma dipenderà dalle temperature. Marquez è quello che va più forte, poi c’è anche Vinales. Siamo in 3-4 a giocarcela, sarebbe bello stare dietro a Marquez”.

    Caratteristiche circuito Austin

    Il tracciato ha sede all’interno di un’area di circa 3,6 km quadrati e situata a sud della periferia di Austin, capitale dello Stato del Texas. Si tratta di uno dei circuiti più lunghi (5.513 m) e tortuosi del circus, con 20 curve a destra e 11 a sinistra. Da ricordare sicuramente la salita di 41 metri al termine del rettilineo principale che termina con una delle staccate più violente del circuito. Qui le moto decelarano in maniera impressionante passando da circa 310 km/h a circa 65 km/h in poco più di 200 metri. Altra staccata molto impegnativa è la curva T12, dove si arriva a circa 340 km/h e bisogna rallentare fino a 75 km/h nello spazio di 330 metri.

    Info MotoGP 2019

    CALENDARIO MOTOGP 2019 E DIRETTE TV

    CLASSIFICA PILOTI AGGIORNATA MOTOGP 2019

    LE ULTIME NOTIZIE SULLA MOTOGP

    LA STORIA DI VALENTINO ROSSI