Buona la prima uscita stagionale dell’Inter, che si impone per 4-1 sul campo del Lugano. Mattatore di giornata Lautaro Martinez, autore di una doppietta, mentre gli altri gol sono stati realizzati da D’Ambrosio e Correa. Nel post partita sono arrivate le parole di Simone Inzaghi, sicuramente per la rosa messa a disposizione dalla società, ma in attesa di un ultimo sforzo.

Inter, le parole di Inzaghi

Il tecnico dell’Inter, Simone Inzaghi, ha commentato il successo della squadra nerazzurra sul campo del Lugano, oltre a soffermarsi sulle vicende di mercato. Queste le sue parole, rilasciate ai microfoni di Sportitalia:

La vittoria: “Siamo stati bravi, lavoriamo da soli quattro giorni, abbiamo organizzato una partita seria, si sono viste belle azioni, sono contento di quello che ho visto e ci prepariamo per arrivare nelle migliori condizioni al 13 agosto“.

Lautaro e Lukaku: “Lui e Lautaro sono due campionissimi, si conoscono benissimo e gli piace giocare insieme, abbiamo visto anche Correa, Dzeko è tornato in anticipo. Abbiamo avuto il miglior attacco l’anno scorso, ora dobbiamo crescere sempre. Correa trequartista? È una soluzione che stiamo provando, il nostro sistema è un altro, ma abbiamo grandi attaccanti e posso anche cambiare assetto“.

Il mercato

Il tecnico dell’Inter ha parlato anche di mercato:

Qualche innesto in attacco: “Ma, sai, io come ho detto prima sono molto soddisfatto dell’attacco dell’anno scorso che è stato il migliore d’Italia, in più abbiamo messo dentro Lukaku che sappiamo cosa ci darà. In questo momento siamo soddisfatti così, vedremo il mercato cosa ci riserverà da qui alla fine negli altri settori“.

Il possibile arrivo di Bremer: “Ho un grandissimo rapporto coi dirigenti e sono sempre al lavoro, abbiamo una casella vacante in difesa, dobbiamo trovare un suo sostituto che liberi il reparto“.

La prova di Asllani: “Lo conoscevamo e l’abbiamo voluto, sta dimostrando grandissima personalità, è giovanissimo. Avrà Brozovic davanti a lui, sarà un valore per tutto l’anno“.

Le ultime notizie sull’Inter