Inizia benissimo l’Europa League 2019-2020 della Roma di Paulo Fonseca, con i giallorossi che hanno travolto per 4-0 i turchi dell’Istanbul Basaksehir. Partita in equilibrio per 42 minuti, poi dopo l’autorete di Caicara la Roma ha preso il volo. Nel secondo tempo non c’è stata partita con i padroni di casa ancora a segno con Dzeko, Zaniolo e Kluivert. Nell’altra sfida del girone J gli austriaci del Wolfsberger hanno vinto a sorpresa e nettamente per 4-0 sul campo del Borussia M’Gladbach.

LA CRONACA DELLA PARTITA – La prima giornata di Europa League prosegue alle ore 21:00 con la seconda tornata di sfide e la Roma di Paulo Fonseca scende in campo allo stadio Olimpico per affrontare i turchi dell’Istanbul Basaksehir allenato da Okan Buruk. La Roma di Paulo Fonseca non può permettersi di prendere ‘sotto gamba’ questo impegno europeo, dovendo provare ad arrivare sino in fondo. Un’avventura che Dzeko e compagni dovranno affrontare con impegno, per non andare incontro a brutte sorprese. Dall’altra parte il Basaksehir si è fermato nello spareggio playoff per la Champions contro l’Olympiakos. La formazione turca, allenato dall’ex Inter, Okan Buruk, ha comunque l’obiettivo di accedere alla fase ad eliminazione diretta, anche se non ha iniziato bene la propria stagione.

Sul fronte formazioni ufficiali, Paulo Fonseca riparte dal modulo 4-2-3-1 visto sin qui. Davanti a Pau Lopez ci sono Spinazzola, Mancini, Jesus e Kolarov, con mediana formata da Diawara e Veretout. In attacco invece ci sono Kluivert, Pastore e Zaniolo alle spalle di Dzeko. Dall’altra parte Okan Buruk punta su un modulo a ‘specchio’. Così davanti a Gunok spazio per Caicara, Ponk, Tekdemir e Clichy. In mezzo al campo Aleksic, Kahveci e Topal, con Visca e Arda Turan a sostegno di Gulbrandsen nel tridente.

Primo tempo, Roma avanti 1-0

Il match inizia subito con una Roma pericolosa due volte in 3 minuti. Prima chance al 2’: radente dalla lunetta dell’area di Zaniolo, si oppone con i piedi Günok, sulla ribattuta Cristante scarica il destro e calcia alto. Poco dopo altra occasione: sull’imbucata di Kluivert per Pastore, l’argentino cerca il cross basso per Dzeko, in agguato sul secondo palo, traiettoria troppo su Günok, che si distende e blocca. Scampato il pericolo, il Basaksehir prova ad affacciarsi con costanza dalle parti di Pau Lopez. Come al 25’: dai-e-vai di Visca con Aleksic ai confini dell’area di rigore e destro secco ribattuto in calcio d’angolo da Juan Jesus.

La Roma fatica più del previsto a rendersi pericolosa nella parte centrale del tempo, anzi sono ancora i turchi a farsi minacciosi al 35’: premiato da un rimpallo al limite dell’area, Topal va direttamente in porta con un destro violento ribattuto provvidenzialmente da Fazio. In panchina Fonseca cerca di infondere calma ai suoi, anche se al 42’ arriva quel pizzico di fortuna per vedere la Roma in vantaggio: azione portata avanti da Dzeko, il bosniaco allarga a destra per Spinazzola e cross immediato al centro che Caicara devia maldestramente nella propria porta battendo Gunok.

Secondo tempo, i giallorossi dilagano

Il secondo tempo si apre con una chance per Dzeko, col bosniaco che, imbeccato da Pastore, si vede chiudere lo specchio di Gunok. I turchi provano ad attaccare, lasciando per spazi alle ripartenze dei giallorossi.  Che trovano anche il raddoppio al 55’, ma Dzeko è in fuorigioco quasi sulla linea di porta a ribadire una deviazione in scivolata di Zaniolo. Il Basaksehir sbanda in maniera preoccupante in difesa, con Gonuk che al 56’ salva ancora su Dzeko, poi però l’inevitabile 2-0 arriva al 58’: partenza a sinistra di Zaniolo che punta e manda al Topal con una finta a rientrare, poi col destro anticipa l’uscita di Gunok e serve a Dzeko un pallone solo da scaraventare in rete.

Al 64’ Fonseca manda in campo Lorenzo Pellegrini al posto di un buon Pastore, accompagnato all’uscita dagli applausi dei tifosi. Sul fronte turco invece, scatta l’ora di Crivelli, che rileva Arda Turan e poi al 68’ Azubuike sostituisce Aleksic. Ma la Roma al 70’ chiude i conti col 3-0: cross al centro di Kolarov per Kluivert, l’olandese serve Dzeko che, a sua volta, allarga per Zaniolo, sinistro sul palo lontano e tris certificato. Nel finale entrano anche Veretout e Kalinic, col croato che spreca l’occasione di andare a segno. Quella che non sbaglia Kluivert al 93’, con l’olandese che mette il timbro del 4-0 con un perfetto sinistro all’angolino. La Roma c’è, partenza sprint in Europa League.

Info Europa League

CALENDARIO, DATE E ORARI FASE A GIRONI ROMA EUROPA LEAGUE

DATE E CALENDARIO EUROPA LEAGUE 2019-2020