Ajax e Juventus giocano un grande match: finisce 1-1 alla Cruyff Arena

Finisce 1-1 tra Ajax e Juventus, sfida di andata dei quarti di finale di Champions League in programma alla Cruyff Arena: segnano Ronaldo e Neres

477

Finisce 1-1 alla Johan Cruyff Arena l’andata dei quarti di finale di Champions League tra Ajax e Juventus. Lancieri e bianconeri regalano un bel match, giocando a viso aperto un match deciso a cavallo tra fine primo tempo e inizio della ripresa. Vantaggio Juventus con Ronaldo al 45′, pari olandese al 46′ con Neres. Tutto rimandato al match di ritorno in programma a Torino matedì 16 aprile.

LA CRONACA DELLA PARTITA – Grande attesa alla Johan Cruyff Arena per la sfida tra l’Ajax di Erik Ten Hag e la Juventus di Massimiliano Allegri, nell’andata dei quarti di finale di Champions League. L’Ajax si presenta a questa sfida con grande fiducia e senza molto da perdere. L’impresa col Real Madrid negli ottavi resterà tale, anche se adesso i lancieri proveranno a ripetersi per continuare a sognare. La Juventus arriva ad Amsterdam con qualche piccolo problema di formazione. Il recupero di Ronaldo da una parte, ma anche le perdite pesanti di Emre Can e Chiellini. Tuttavia il morale in casa bianconera è alto, così come la consapevolezza della propria forza dopo l’impresa contro l’Atletico.

Sul fronte formazioni ufficiali, Erik Ten Hag punta sul solito modulo 4-3-3. In porta tocca a Onana, davanti a lui la difesa a quattro è composta da Veltman, De Ligt, Blind e Tagliafico. In mezzo al campo ci sono Van de Beek e Schone ai lati di De Jong, mentre davanti con Tadic falso nueve, spazio Ziyech a destra e Neres a sinistra. Dall’altra parte Massimiliano Allegri manda in campo i suoi col modulo 4-3-3. In porta Szczesny, difesa a quattro da destra verso sinistra con Cancelo, Bonucci, Rugani e Alex Sandro. A centrocampo spazio a Bentancur, Pjanic e Matuidi, mentre in attacco ci sono Bernardeschi, Mandzukic e Cristiano Ronaldo. 

Primo tempo, Ronaldo timbra al 45’

Il match inizia con una chance per la Juventus al 2’: azione personale di Bernardeschi che arriva quasi al limite e fa partire un sinistro violento che sfiora la traversa. La risposta dell’Ajax è un altro mancino da fuori, questa volta di Ziyech che finisce sull’esterno della rete. Gli olandesi aumentano la pressione col passare dei minuti e al 18’ Szczesny è chiamato al grande intervento: azione al limite con diversi tocchi brevi, De Jong scarica all’indietro per Ziyech che prende la mira e prova il tiro a giro sul palo più lontano, ma il polacco è reattivo e alza in corner a mano aperta.

La più grande occasione per l’Ajax del primo tempo arriva però al 25’: altra azione tutta palla a terra, Tadic sere in area Van de Beek, controllo e sinistro a botta sicura con sfera che esce di pochissimo a lato con Szczesny ormai in ginocchio. La Juventus comunque non sta a guardare e quando riparte fa ‘male’. Come al 37’: Matuidi mette un bel pallone al centro, Ronaldo appoggia in area per Bernardeschi, gran girata che esce di pochissimo sul tocco provvidenziale di De Ligt. Al 45’ però la Juventus passa in vantaggio: azione rapidissima con Bentancur che serve Ronaldo, il portoghese controlla e mette in moto Cancelo sulla destra. Il numero 20 alza la testa e chiude il triangolo lungo con il connazionale, perfetto pallone al centro che Ronaldo incorna in tuffo di testa battendo Onana.

Secondo tempo, pareggia Neres

Il secondo tempo si apre però con l’immediato pareggio dell’Ajax: lancio lungo dalle retrovie, Cancelo controlla male la sfera dando via libera a Neres. Il brasiliano affonda ed entra in area di rigore, poi il numero 7 rientra sul destro e con uno splendido tiro a giro col destro batte Szczesny. I lancieri insistono e al 49’ altro brivido con un sinistro potente di Tagliafico che termina di poco a lato. Allegri non è soddisfatto e al 60’ opera il primo cambio, inserendo Douglas Costa per un Mandzukic sottotono. I padroni di casa continuano a fare la partita, puntando sulle fiammate di Neres e i tocchi sempe vellutati di Tadic.

Al 72’ Allegri è costretto al secondo cambio, con Matuidi che lamenta un problema muscolare. Il francese lascia il campo, ma al suo posto non entra Khedira ma bensì Dybala per un 4-2-3-1 offensivo. Ten Hag sull’altra panchina risponde col classe 2000 Ekkelenkamp al posto di Schone. Proprio il neoentrato impegna Szczesny all’83’, ma è la Juventus a sfiorare il 2-1 poco dopo: strappo devastante di Douglas Costa a sinistra, saltando prima Veltman e poi resistendo al ritorno di Ziyech. Arrivato in area di rigore, il brasiliano fa partire un diagonale di sinistro che incoccia il palo a Onana battuto. Il portiere di casa diventa decisivo anche all’88’, smanacciando fuori un cross di Cancelo con l’esterno destro. Finisce 1-1, discorso qualificazione rimandato a martedì 16 aprile

INFO CHAMPIONS LEAGUE

CALENDARIO CHAMPIONS LEAGUE 2018-2019

CALENDARIO E DATE QUARTI DI FINALE

DATE E ACCOPPIAMENTI SEMIFINALI 2019

PARTITE IN CHIARO RAI DELLA CHAMPIONS LEAGUE 2018-2019