Il Psg non ha ancora fatto grandi operazioni sul mercato a differenza di altri top club europei come il Barcellona e il Real Madrid. Il club parigino è chiamato a rinforzare la rosa dopo l’ennesimo fallimento in campo europeo. Non è escluso che possa esserci un terremoto nel reparto offensivo visto il possibile addio di Neymar. Su di lui c’è il Barcellona, pronto a versare nelle casse dei francesi 200 milioni di euro. In bilico anche Edinson Cavani, visto il contratto in scadenza a giugno 2020.

Il Psg blinda Mbappé

Psg, assalto a Pépé

Uno dei principali obiettivi di mercato del Psg per la prossima sessione di calciomercato sembra essere l’attaccante del Lille, Nicolas Pépé, vera rivelazione dell’ultima stagione. Il classe 1995, infatti, ha messo a segno ben 22 reti e collezionato 11 assist in Ligue 1, giocando tutte le trentotto partite di campionato. Numeri decisivi per portare la propria squadra in Champions League, con uno storico secondo posto. Il giocatore, poi, ha mostrato grande duttilità essendo in grado di giocare sia come esterno d’attacco che come centravanti. Il club dello sceicco, Nasser Al Khelaifi, è pronto a chiudere l’affare per una cifra superiore ai 70 milioni di euro. I parigini sembrano avanti anche rispetto alla forte concorrenza di altri top club europei, su tutti il Manchester City, il Liverpool e l’Inter.

La conferma del presidente del Lille

Il presidente del Lille, Gerard Lopez, ha ammesso come la cessione di Nicolas Pépé sia ormai scontata. Il patron, anzi, ha anche svelato come avrebbe voluto chiudere la cessione dell’ivoriano prima della coppa d’Africa, con il Psg in pole position. Soluzione bocciata dal classe 1995, che rimandato il discorso dopo la competizione. Queste le parole rilasciate dallo stesso Lopez ai microfoni di Le10sport:

“Non tralasciamo nulla. Sappiamo quali sono le proposte. Volevo anche chiudere il suo trasferimento prima della Coppa d’Africa. Su richiesta del suo entourage, abbiamo aspettato un po’. Nico ci ha detto che voleva concentrarsi sulla Coppa d’Africa. Vuole anche parlare con gli allenatori. Non mi preoccupo, vedremo come finirà. Il suo entourage ha una destinazione preferita. Di per sé, questo non è un problema. Ci sono colloqui con club prestigiosi (Liverpool, Inter, Manchester City). Dopo tutti hanno il diritto di avere preferenze”.

Le ultime notizie sul Psg