Il Napoli è sicuramente protagonista di queste prime settimane della sessione estiva di calciomercato. Gli azzurri hanno chiuso l’acquisto di Kostas Manolas dalla Roma pagando la clausola rescissoria da 36 milioni di euro. Continua ad andare avanti la trattativa per James Rodriguez, nonostante siano sorte delle complicazioni. Il Real Madrid, infatti, vuole trattare la cessione solo a titolo definitivo, mentre i partenopei non vanno oltre la proposta di prestito con diritto di riscatto. I Blancos non vogliono correre il rischio di ritrovarselo in rosa come successo quest’anno dopo due stagioni in prestito al Bayern Monaco.

Napoli, De Laurentiis e la questione James

Il patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis, ha parlato ai microfoni dei cronisti direttamente dal ritiro di Dimaro e, inevitabilmente, si è soffermato sui rumors di mercato degli ultimi giorni:

“C’è una cosa che non capisco. Perché al Bayern che fattura tre volte quello che fattura il Napoli lo si può dare in prestito ed a noi si chiedono 42 milioni? Io vorrei vedere un momentino come lui ed Ancelotti dialogano insieme alla squadra. Avrei preso un altro giocatore che poteva assicurare 30 gol insieme al nostro Milik, se ci mettiamo insieme Insigne, Mertens, Younes, poi diventa una bella partita. Se James si potesse avere in prestito nessuno direbbe di no, perché si potrebbe prendere qualcun altro, in caso contrario devo pensare ad un altro magari pensando anche al futuro”.

Campagna abbonamenti e altri nomi

Inevitabile prendere in considerazione anche piste alternative. Si è parlato anche di Pepé, i cui costi, però, sembrano essere eccessivi, con il Lille che chiede 80 milioni di euro. Le parole del presidente del Napoli, anzi, sembrano riportare in auge la pista che porta a Mauro Icardi. Il patron, però, non esclude nulla:

“Potrebbe essere anche Pepè o qualcun altro. Lozano? Beh diverso da Pepè”.

Campagna abbonamenti a prezzi bassi: “E’ stata una mia decisione, perchè solo gli juventini devono fare 35 mila abbonamento e noi risicati sui 6mila? Allora ho detto cambiano tutto, diamo la possibilità di poter prestare l’abbonamento per cinque volte, abbassiamo i prezzi e vediamo cosa riusciamo a fare. Io non ho bisogno di riempire lo stadio. O il Napoli lo si ama veramente a prescindere o non lo si ama, io non ho bisogno degli occasionali. Non ho bisogno di fare la promo ad oltranza, allo stadio di va per amore, se non si ha amore è meglio stare a casa. Con lo stadio virtuale riusciamo comunque a guadagnare bene”.

Le ultime notizie sul Napoli