Sarà un’estate di grandi cambiamenti in casa Milan, proiettato comunque a finire bene la stagione e centrare il quarto posto. Un’impresa tutt’altro che agevole adesso, dato che l’Atalanta è volata a più tre e con anche la Roma a più due. Dunque una rincorsa complicata e che non lascia spazio a troppe illusioni, specie vedendo le prestazioni di una squadra che sembra scarica e senza grandi idee.

Gattuso e un addio certo

Ma c’è una certezza o simil tale nel futuro del Milan. Qualsiasi sia l’esito di questi ultimi quattro match, ci sarà un nuovo tecnico sulla panchina dei rossoneri nella prossima stagione. In pratia, avanti con Gennaro Gattuso fino al termine della stagione, poi ognuno per la sua strada. È quanto emerso dal summit di lunedì, andato in scena a Casa Milan tra il tecnico e i vertici di via Aldo Rossi. Gattuso porterà a termine il campionato col massimo impegno, poi sarà addio.

Il tecnico calabrese non ha comunque gradito alcune cose. Ad esempio l’esser stato sempre trattato in maniera quasi distaccata da Leonardo e Paolo Maldini, sentendosi poco sostenuto dai due dirigenti, perfino nei momenti in cui risultati e classifica erano confortanti. E sarebbe anche lo stesso Gattuso a voler lasciare la panchina del Milan, a prescindere dal quarto posto o meno. Una decisione già presa, per non cadere nelle stesse incomprensioni di questa stagione.

Il post Gattuso, tre nomi sul taccuino: Di Francesco in pole

Pronostico CSKA-Roma

Così al Milan sono già iniziate le grandi manovre per la panchina del prossimo anno. Come riporta La Gazzetta dello Sport, la pista al momento più calda è quella che porta a Eusebio Di Francesco. L’ex tecnico della Roma sarebbe il preferito attualmente dalla dirigenza rossonera
per il gioco e la capacità di lavorare con i giovani. Tutte cose che sono caratteristiche primarie per Elliott e il suo progetto a lunga scadenza. Anche perché, senza Champions League (come già anticipato dal presidente Scaroni), il fair play finanziario non concederà tanto spazio di manovra sul mercato, non potendo fare acquisti plurimilionari.

Gli altri due nomi spendibili poi, sono quelli di Gian Piero Gasperini e Marco Giampaolo. Il primo sta compiendo più che un’impresa all’Atalanta, tra lotta al quarto posto e finale di Coppa Italia, il secondo è in attesa di capire gli sviluppi societari in casa Sampdoria, con un contratto in essere sino al 2020, e poter così conoscere anche il suo di futuro.

LE ULTIME NOTIZIE SUL MILAN