La poltrona di direttore sportivo resta al momento vuota in casa Milan. Ma si tratta di aspettare ancora qualche giorno, poi anche questa casella verrà occupata. E così potrà arrivare anche l’annuncio ufficiale del nuovo staff tecnico dirigenziale, a partire da Paolo Maldini nuovo responsabile dell’area tecnica al posto di Leonardo.

L’opzione Tare è ‘bloccata’

Il nome buono su cui il Milan aveva dirottato le proprie attenzioni era quello di Igli Tare. Tuttavia, nonostante la corte di Maldini e non solo, il matrimonio non si farà. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, infatti, il presidente della Lazio, Claudio Lotito, dopo aver ‘stoppato’ la fuga di Simone Inzaghi, è riuscito a bloccare anche il suo direttore sportivo.

E come fatto con Inzaghi, allungando e adeguando il contratto sino al 2021, lo stesso trattamento sarà adottato per Tare. Nuovo contratto, l’attuale accordo scade nel 2022 firmato a novembre scorso, e ingaggio aumentato (si parla di un milione e mezzo di euro) per convincere Tare a rimanere nella Capitale.

Tre nomi nella lista di Maldini

Detto di Tare e dell’ormai certa impossibilità di farlo arrivare a Milano, ci si chiede quali siano le alternative al ds albanese? I nomi non mancano e si parte da due dirigenti molto navigati. Il primo nome è quello di Giovanni Sartori dell’Atalanta, artefice prima di eccellenti risultati al Chievo e adesso, ormai da tre anni ds del club orobico, dove sta facendo altrettanto bene.

Il secondo nome porta a Carlo Osti, da diverse stagioni ormai direttore sportivo della Sampdoria e che andrebbe a far nuovamente coppia con Marco Giampaolo, ormai prossimo a diventare il nuovo allenatore del Milan. L’altra pista fa riferimento a Frederic Massara, che ha lasciato la Roma e su cui sta lavorando anche la Fiorentina. Da uno di questi profili, con ogni probabilità, uscirà il nuovo direttore sportivo del Milan, che ha fretta di scegliere per poter cominciare a programmare la nuova stagione.

Il ritorno di Boban

In tutto questo, Zvonimir Boban si sta avvicinado sempre di più al ritorno al Milan, club con il quale da giocatore ha vinto tutto e con cui è rimasto molto legato. Nel suo nuovo impiego in rossonero, il croato andrà ad affiancare Maldini nelle scelte tecniche ma soprattutto a curare i rapporti con Lega, Federazione, Eca, Uefa e Fifa. Con l’arrivo di un dirigente come Boban, l’ad Gazidis si dedicherà solamente a questioni economiche, al marketing e al nuovo stadio con l’Inter.

LE ULTIME NOTIZIE SUL MILAN