La notizia era nell’aria da tempo, visto che il giocatore ha sostenuto anche le visite mediche, ma ora ci sono i crismi dell’ufficialità: Raoul Bellanova è un nuovo calciatore dell’Inter. L’esterno arriva dal Cagliari con l’obiettivo di mettere in difficoltà Simone Inzaghi. Nelle gerarchie, infatti, l’ex rossoblu parte inevitabilmente dietro Denzel Dumfries, ma giocando quasi sempre ogni tre giorni troverà sicuramente spazio.

Le cifre dell’arrivo di Bellanova all’Inter

L’Inter ha preso Raoul Bellanova dal Cagliari con la formula del prestito oneroso con diritto di riscatto. I nerazzurri hanno versato nelle casse dei rossoblu 4 milioni di euro per il prestito. Il riscatto, invece, è stato fissato a 6 milioni di euro per un’operazione complessiva da 10 milioni di euro. Il classe 2000 ha firmato un contratto di 4 anni, fino a giugno 2026, con opzione per il quinto anno, a 900.000 euro a stagione.

Il comunicato dell’Inter

Questo il comunicato ufficiale diramato dall’Inter:

“Raoul va veloce. Ha imparato a farlo fin da bambino, quando esprimeva tutta la sua voglia di giocare a pallone correndo più forte degli altri. 

L’Inter nel sangue, ma il destino gli disegna una strada con altri colori: Bellanova all’età di sei anni entra nel settore giovanile del Milan. Ci resta per 13 stagioni, spesso confrontandosi con avversari più grandi di lui. Questo perché il suo strapotere fisico lo porta a dominare. Su e giù lungo la fascia, da sempre, sostenuto da papà, il suo tifoso numero uno.

Il calcio, poi, regala sempre nuove opportunità, nuovi orizzonti da esplorare. A 19 anni Raoul va in Francia, Bordeaux, in Ligue1. Non decolla, ma la strada è ancora lunga. Anche le esperienze all’apparenza meno gratificanti sono formative. Passa all’Atalanta, in un altro step della sua carriera. Cerca continuità, la trova al Pescara, in Serie B. Colleziona 30 presenze e diventa un giocatore fondamentale per gli abruzzesi: le sue prestazioni gli permettono di passare al Cagliari, con cui gioca un campionato da protagonista. 31 presenze e 1 gol, ma soprattutto un ottimo rendimento individuale. Va forte, figura sempre tra i giocatori più veloci della Serie A. 

Ripartire, dopo gli stop, è una delle caratteristiche chiave di Raoul. Lo ha fatto dopo le tappe più complicate o dopo le sconfitte più brucianti, come quelle agli Europei Under 19 e ai Mondiali Under 20 in maglia azzurra. Ora, dopo la retrocessione con il Cagliari, un altro scatto in avanti. Quello che lo porta a vestire i colori nerazzurri. Benvenuto all’Inter, Raoul!“.

Le ultime notizie sull’Inter