L’uomo del momento in Brasile è Gabriel Barbosa, noto anche come Gabigol. L’attaccante si sta mettendo in mostra con il Flamengo, visto che è il miglior marcatore del 2019 in Brasile con 22 gol totali segnati, più di qualsiasi altro giocatore in ogni altra categoria nel suo Paese. Con 9 gol è anche l’attuale capocannoniere del Brasileirao, la crescita è davvero continua e al Flamengo è diventato un idolo assoluto anche dopo la doppietta segnata all’Emelec che ha consentito alla squadra di volare ai quarti di Copa Libertadores. Il suo cartellino è di proprietà dell’Inter, che adesso spera di realizzare anche una plusvalenza dopo averlo acquistato per oltre 30 milioni di euro nell’estate del 2016.

Conte ritrova Lautaro Martinez

Inter, tesoretto Gabigol

L’Inter sta lavorando molto in uscita per cercare di accumulare un tesoretto da investire sul mercato in entrata. Paradossalmente, i nerazzurri potrebbero anche avvantaggiarsi dalla cessione di un giocatore attualmente in prestito. Si tratta di Gabriel Barbosa, detto anche Gabigol, che con la maglia del Flamengo sta confermando di essere in costante crescita. Dopo aver disputato una stagione in prestito con il Santos, il classe 1996 è stato ceduto a dicembre al club rossonero. Grazie alle sue prestazioni, sia in campionato che in coppa Libertadores, il suo cartellino ha ripreso valore. In questi giorni si è parlato di un interessamento della Dinamo Mosca, pronta a mettere sul piatto 15 milioni di euro. La richiesta della società nerazzurra, però, si aggira intorno ai 20 milioni di euro. Inoltre c’è da superare l’ostacolo ingaggio, visto che l’attaccante brasiliano ha un contratto da 3,5 milioni di euro a stagione.

Le parole di Gabigol

Intervistato ai microfoni di Calciomercato.com, Gabigol ha parlato del suo grande momento di forma, soffermandosi anche sull’Inter:

Il momento al Flamengo: “Sono davvero felicissimo. Qui al Flamengo percepisco un cambiamento definitivo, mi sento più maturo, non è un caso questa mia grande stagione. Mi sento tatticamente più pronto, maturo. Sento la responsabilità della squadra, ragiono per il collettivo e non per il singolo, oltre che per i gol. Sono a quota 22 gol in questa stagione, 8 segnati con Jorge Jesus in panchina su 7 partite. Grazie a Dio, sto dando una mano e va tutto bene”.

Il segreto della rinascita: “Jorge Jesus, un allenatore con cui ho un rapporto eccellente. Dal suo arrivo al Flamengo ho provato ad ascoltare tutte le sue idee tattiche davvero moderne, ha una filosofia molto Europea. Mi sono adattato velocemente al suo stile di gioco e mi sento benissimo”.

I prossimi obiettivi: “Voglio la Copa Libertadores, è il nostro obiettivo principale. Al Maracana contro l’Emelec ho vissuto una notte straordinaria, i tifosi ci hanno aiutato tanto e li ringrazio, poi ho potuto segnare anche una doppietta. La squadra qui è unita, il Flamengo è un club storico anche per questo”.

Possibile ritorno all’Inter: “Ho un contratto con l’Inter, sì. Ma adesso io penso solo al Flamengo, voglio vincere qui”.

Le ultime notizie sull’Inter