La Fiorentina e Stefano Pioli potrebbero dirsi addio a fine stagione. Nel post match contro la Lazio, pareggiato per 1-1, il tecnico della squadra viola non ha usato tanti giri di parole per mettere in dubbio il proprio futuro. Il contratto in scadenza a giugno è un dato di fatto e per il momento di rinnovo non si è proprio parlato.

Pioli ha di fatto aperto all’addio

“Comunicherò tutto a fine campionato: non sono affatto preoccupato della scadenza di contratto, solo i miei stimoli decideranno per me. La mia decisione l’ho già presa, non sarà l’opzione per il rinnovo a scegliere il mio futuro. Saranno le mie convinzioni e le mie motivazione a decidere. La mia decisione è però già presa”. Parole abbastanza importanti quelle pronunciate da Pioli nella conferenza stampa di domenica sera.

Come riportato da La Repubblica, il motivo di queste frasi sul proprio futuro sono da ricercarsi nelle preoccupazioni che il tecnico ha riguardo a quel che potrà accadere a giugno. Pioli vorrebbe rimanere, per continuare un percorso iniziato da due anni, ma avrebbe già voluto parlare della prossima stagione. E in più teme che nel mercato estivo possano arrivare due cessioni illustri, su tutti Chiesa e Milenkovic.

I nomi per il post Pioli

E dunque in casa Fiorentina siamo già al toto-allenatore. L’edizione odierna di Tuttosport, ha iniziato a fare i nomi di chi potrebbe prendere il posto del tecnico sulla panchina della Fiorentina. In particolare ce ne sono sei, tra possibilità reali e qualcuna forse meno realizzabile: da Di Francesco a De Zerbi e Maran, passando per D’Aversa, Nesta e Sarri. Questi sono alcuni possibili allenatori che il prossimo anno potrebbero allenare la Fiorentina.

Ma c’è anche chi frena un po’, come Daniele Bertotto, grande estimatore dell’allenatore viola. “Ho avuto modo di vedere lavorare Stefano molto bene, lo conosco da tempo e ho una grande stima nei suoi confronti. C’è sicuramente un momento di difficoltà, però bisogna anche dire che la Fiorentina ha deciso di attuare un percorso con giocatori molto giovani e per un allenatore non è facile. In Italia ci mettiamo pochissimo dal dire “Sì puntiamo sui giovani” a “Abbiamo sbagliato a puntarci troppo””, le sue parole a firenzeviola.it.

“Secondo me è stato creato un caso inutile intorno alle sue parole. Non ha detto nè che se ne va sicuramente e nè che resterà. Lui ha la necessità e il bisogno di avere delle certezze concrete per quanto riguarda il suo futuro. Con tali dichiarazioni Pioli ha voluto dire che adesso la squadra deve concentrarsi nel finire bene la stagione, cercando di arrivare in finale di Coppa Italia. Poi a giugno, senza pressioni di allenamenti e partite, deciderà il meglio per il suo futuro”.

LE ULTIME NOTIZIE SULLA FIORENTINA