Fiorentina, Commisso: “Resta Montella? Vediamo, per ora non confermo niente”

Rocco Commisso, proprietario della Fiorentina, ha parlato all'esterno dal proprio albergo di Firenze in vista del ritorno negli USA

Il nuovo corso della Fiorentina è iniziato con l’avvento in tempi piuttosto rapidi di Rocco Commisso. E per il magnate italo-americano il lavoro da sbrigare è molto. Una società da ridisegnare in alcune figure, come la scelta del nuovo CEO e del direttore sportivo. Infatti è finita la seconda avventura di Pantaelo Corvino nel club viola.

Rescissione consensuale per Corvino

Questo il comunicato apparso sul sito ufficiale del club viola in merito all’organigramma societario: “La Fiorentina comunica, insieme al Direttore Generale dell’Area Tecnica Pantaleo Corvino, che si è deciso di comune accordo di interrompere il rapporto tra le parti. È iniziato un nuovo percorso con una nuova proprietà e si è, quindi, ritenuto giusto mettere un punto alla gestione tecnica precedente.

Il Direttore Corvino nelle sue esperienze in viola ha contribuito con il suo lavoro a far si che la Squadra raggiungesse traguardi molto prestigiosi. E, sotto la sua gestione, si é provveduto anche a dare nuova linfa al Settore Giovanile gigliato che ha potuto mettere in bacheca vari titoli Nazionali. La Fiorentina ringrazia Pantaleo Corvino per tutto ciò che ha dato al Club viola e gli augura le migliori fortune per il prosieguo della sua vita professionale e personale”.

Le parole di Commisso

Nel frattempo, lo stesso Rocco Commisso, proprietario della Fiorentina, ha parlato a Sky Sport fuori dal proprio albergo di Firenze in vista del ritorno negli USA: “Sto ripartendo per gli Stati Uniti. Torniamo a New York dove continueremo a lavorare per la Fiorentina. Tra poco saprete. Sono state bellissime giornate. Io ci metto tutto, non solo i soldi, anche il cuore. Incontro con Montella negli States? Può darsi di sì, come no, non confermo niente. Pradè? Non dico niente, può darsi che sia lui come no. Abbiamo confermato due avvocati e ci saranno altre conferme, non sono venuto per licenziare ma per aiutare e crescere.

Quando torno a Firenze? Può darsi tra due settimane, poi inizierà la tournée negli USA che è importante per il brand e per me, visto che finiremo a New York. Questo è l’annuncio della sorpresa che vi avevo promesso. Mercato in ritardo? No. E’ successo quello che è successo e i tifosi si devono accontentare. O restavano con la vecchia proprietà o rischiavamo di metterci tre mesi. Ci abbiamo messo solo due settimane, serve pazienza”.

LE ULTIME NOTIZIE SULLA FIORENTINA