L’Italia Under 21 comincia col piede giusto e infligge alla Spagna un sonoro ko, battuta 3-1 grazie ad un secondo tempo bellissimo. Arrivano dunque subito i primi tre punti dell’Europeo di categoria, con un grande Federico Chiesa, autore di una doppietta. Il prossimo impegno è mercoledì 19 giugno alle ore 21:00, sempre al Dall’Ara di Bologna, contro la Polonia (nel pomeriggio vittoriosa 3-2 sul Belgio).

CRONACA DELLA PARTITA – L’Italia di Luigi Di Biagio fa il suo esordio negli Europei Under 21, sfidando la Spagna di Luis de la Fuente allo stadio Renato Dall’Ara di Bologna. L’Italia Under 21 si presenta a questi Europei con aspettative molto alte e potendo fare anche affidamento sul pubblico a favore. Il gruppo A non è dei più morbidi e l’esordio contro le Furie Rosse men che meno. La Spagna arriva altrettanto in fiducia e con la voglia di lasciare il segno anche in questo Europeo, dopo aver raggiunto la finale nell’ultima edizione del 2017 giocata in Polonia.

Sul fronte formazioni ufficiali, Luigi Di Biagio riparte dal solito 4-3-3. In porta tocca a Meret, davanti a lui Calabresi, Mancini, Bonifazi e Dimarco. A centrocampo Mandragora regista, con Barella e Lorenzo Pellegrini mezz’ali. In avanti Zaniolo e Chiesa ai lati di Kean. Dall’altra parte Luis de la Fuente manda in campo i suoi con il modulo 4-1-4-1 molto offensivo. Tra i pali c’è Simon, davanti a lui spazio per Martin, Vallejo, Merè e Aguirregabiria. Davanti alla difesa Zubeldia, mentre Oyarzabal, Fabian Ruiz, Ceballos, Soler agiscono alle spalle di Mayoral.

Primo tempo, 1-1 al Dall’Ara

Il match inizia su ritmi non alti, ma la Spagna al primo affondo passa in vantaggio al 9’: pallone sui 25 metri per Ceballos, su di lui non stringe colpevolmente Barella e il numero 10 spagnolo s’inventa un perfetto destro a giro che batte l’incolpevole Meret. L’Italia è contratta e nervosa, rischiando ancora grosso al 12’: Ceballos combina con Soler in area, dribbling in mezzo a tre e cross basso nell’area piccola, ma ci mette una pezza Calabresi. Gli ospiti insistono e minacciano nuovamente la porta di Meret con un destro di Soler che Mancini alza in corner di testa.

La prima risposta dell’Italia arriva al 31’ col sinistro di Mandragora da fuori termina alto, mentre il destro di Pellegrini è respinto da Meré. Gli azzurri provano ad aumentare il ritmo e al 36’ arriva l’1-1: bellissima sventagliata di Barella a pescare Chiesa a sinistra, controllo magnifico e affondo a bruciare Aguirregabiria. E da posizione defilatissima beffa Unai Simon con un tiro cross mancino. Al 42’ Zaniolo abbandona il campo per un giramento di testa, postumi di un duro scontro subito alla mezz’ora. Al suo posto Di Biagio sceglie Orsolini.

Secondo tempo, Italia sul 3-1

Il secondo tempo si apre con un cambio anche nella Spagna: non c’è più Fabian Ruiz, al suo posto dentro Merino. La partita resta viva e frizzante, con Chiesa pericoloso al 50’ e un destro a giro fuori non di molto. La Spagna non sta a guardare e al 55’ Meret risponde presente sul destro dal limite di Soler. Al 60’ entra Cutrone per Kean. E poco dopo, minuto 64’, l’Italia completa la rimonta e va sul 2-1: pallone profondo di Orsolini per il neoentrato Cutrone, dopo un rimpallo con Vallejo la palla finisce ancora a Chiesa che batte facilmente col destro Simon.

A quel punto de La Fuente manda in campo Fornals per Zubeldia, spingendo le Furie Rosse all’attacco. La Spagna forza i tempi e si rende pericolosa con il solito Ceballos. Ma, al minuto 81, arriva l’episodio che chiude di fatto il match: Orsolini se ne va sulla destra, guadagna il fondo e crossa al centro, Pellegrini finisce a terra. Larbitro Gözübüyük, con l’ausilio delle immagini al VAR, punisce una trattenuta di Soler e assegna il penalty. Dal dischetto lo stesso Pellegrini guarda negli occhi Simon sino all’ultimo e lo spiazza aprendo il piatto destro per il 3-1. Il match finisce praticamente qui, il Dall’Ara può fare festa.

Info Europei U21 2019

CALENDARIO EUROPEI U21 16-30 GIUGNO 2019

CONVOCATI ITALIA UNDER 21