L’Italia Under 21 incappa in una brutta e inaspettata sconfitta contro la Polonia, vedendo complicarsi notevolmente la strada verso la qualificazione alle semifinali. Ora l’Italia non dipende più da sè stessa e sabato, nella sfida di Reggio Emilia contro il Belgio, dovrà in primis vincere e poi aspettare il risultato di Polonia-Spagna.

CRONACA DELLA PARTITA – L’Italia di Luigi Di Biagio scende nuovamente in campo, nella seconda giornata del gruppo A degli Europei Under 21, sfidando la Polonia di Czesław Michniewicz allo stadio Renato Dall’Ara di Bologna. L’Italia Under 21 si presenta a questa seconda sfida con l’entusiasmo alto, dopo la brillante vittoria per 3-1 contro la Spagna all’esordio. Ma ora non c’è da abbassare la guardia, troppo importante fare nuovamente risultato. Morale molto alto anche in casa Polonia. Infatti, Kownacki e soci, hanno vinto per 3-2 all’esordio contro il Belgio, iniziando dunque al meglio questa competizione.

Sul fronte formazioni ufficiali, Luigi Di Biagio riparte dal solito 4-3-3. In porta tocca a Meret, davanti a lui Adjapong, Mancini, Bastoni e Dimarco. A centrocampo Mandragora regista, con Barella e Lorenzo Pellegrini mezz’ali. In avanti Orsolini e Chiesa ai lati di Cutrone. Dall’altra parte Czesław Michniewicz manda in campo i suoi con il modulo 5-4-1. Tra i pali c’è Grabara, davanti a lui spazio alla difesa a cinque con Fila, Wieteska, Bielik, Bochniewicz e Pestka. In mezzo al campo Jagiello, Zurkowski, Dziczek e Szymanski, mentre in avanti l’unica punta è Kownacki.

Primo tempo, Polonia avanti 1-0

Il match inizia come da previsioni con l’Italia a fare la partita e una Polonia tutta all’indietro a protezione della propria area di rigore. Nel primo quarto d’ora gioca meglio l’Italia con un possesso palla al 57 percento, anche se l’unico tiro insidioso è della Polonia ad opera di Bielik. Col passare dei minuti la pressione degli Azzurrini si intensifica e per la Polonia diventa solo difesa ad oltranza. La prima buona occasione per l’Italia arriva al 27’, dopo un destro fuori misura di Pellegrini: Adjapong va al cross e tutta la difesa della Polonia buca il pallone, sul secondo palo sbuca Chiesa, che controlla e calcia, ma spara addosso a Grabara.

Ma è al 31’ che l’Italia si divora il vantaggio: Pellegrini manda Chiesa sul fondo a sinistra, cross basso all’indietro per l’accorrente Mandragora, è un rigore in movimento ma il mancino del capitano si spegne clamorosamente sul fondo. Italia in controllo, ma Polonia a sorpresa in vantaggio: punizione di Kownacki respinta dalla barriera, il pallone finisce al limite a Bielik che gira di sinistro a rete, Meret tocca sul palo e sfera in rete. La reazione dell’Italia porta al pari di Orsolini al 44’, ma l’esterno azzurro è fermato dalla posizione di offside sul tocco di Barella.

Secondo tempo, Italia spenta

Il secondo tempo si apre con un cambio negli azzurrini, spazio a Kean in luogo di un Orsolini non al 100% dopo un colpo alla spalla sinistra subito a metà della prima frazione di gioco. E al 52’ ottima occasione per pareggiare: cross profondo sul secondo palo, sponda di Cutrone e conclusione in avvitamento di Pellegrini ma la sfera termina alta sopra la traversa. Poco dopo è invece il portiere ospite Gabrara a salvare tutto sul sinistro al volo di Chiesa. Al 57’ dentro anche Tonali al posto di Mandragora.

L’Italia continua a spingere e proprio Tonali ci prova da fuori, ma senza fortuna. La stanchezza si fa sentire e al 65’ Kownacki spreca una buona chance con un destro debole dal limite. Una partita stregata per gli azzurrini, come dimostra anche il bolide da fuori di Pellegrini che colpisce un clamoroso palo. Al 77’ nuova occasione, ma il destro in girata di Cutrone, sull’assist di Kean, termina a lato di poco. Nel finale di match entra anche Zaniolo per Adjapong. Ma non succede altro, per l’Italia adesso si fa dura.

Info Europei U21 2019

CALENDARIO EUROPEI U21 16-30 GIUGNO 2019

CONVOCATI ITALIA UNDER 21