Niente da fare, come prevedibile. L’Italia di Luigi Di Biagio dice ufficialmente addio alla possibilità di agguantare un posto nelle semifinali dell’Europeo Under 21. Il pareggio tra Francia e Romania (0-0) ha mandato entrambe avanti. La vittoria per 3-1 degli azzurri sul Belgio era stato, in ottica primo posto nel girone A, vanificato dal 5-0 della Spagna alla Polonia. E dunque bisognava sperare in risultati positivi dalle partite restanti. Ma se la Danimarca non è riuscita a scavalcare l’Italia, il pari ‘annunciato’ tra rumeni e transalpini ha chiuso i conti.

Italia eliminata col pari in Francia-Romania

Dunque, andando nello specifico della situazione, cosa doveva succedere per vedere l’Italia in semifinale come miglior seconda? La squadra azzurra ha finito il gruppo con 6 punti e una differenza reti di +3 (6 gol fatti, 3 subiti). Per essere la migliore delle 3 seconde dovevano verificarsi alcune precise ipotesi nelle prossime 3 partite: Danimarca-Serbia, Germania-Austria e Francia-Romania.

Domenica sera, ore 21:00, si giocavano Danimarca-Serbia e Austria-Germania. In queste due sfide, con Serbia già eliminata e Germania invece già in semifinale, serviva che danesi e austriaci non vincessero con 3 gol di scarto perché a 6 punti, avrebbero avuto la stessa differenza reti degli azzurri ma con un maggior numero di gol realizzati. E primo step superato con qualche brivido, visto che la Danimarca ha vinto sì, ma solo per 2-0. Nessuna preoccupazione da Germania-Austria finita 1-1.

Lunedì sera invece spazio a Francia-Romania. Prima di tutto questa sfida non doveva finire in pareggio, risultato però probabile visto che entrambe, salendo a 7 punti, sarebbero state qualificate. Non solo questo però. Infatti, se da un lato la vittoria della Romania con qualsiasi risultato sarebbe andata bene agli azzurri, dall’altro, in caso di vittoria della Francia, questa sarebbe dovutà avvenire con 3 gol di scarto. Solo in questo caso, infatti, la Romania avrebbe finito con una differenza reti peggiore degli azzurri. Ma è stato uno 0-0 senza emozioni, più che annunciato.

Le parole di Luigi Di Biagio

Il c.t. dell’Italia Under 21 Luigi Di Biagio aveva così parlato in conferenza stampa dopo il successo sul Belgio: “Sapevamo che avremmo dovuto aspettare l’altro risultato e non è stato positivo, complica tutto terribilmente. È difficile, abbiamo una piccola speranza , ma fino all’ultimo resteremo qua. Non potevo chiedere di più ai ragazzi, in tutte e tre le gare, ma quando non porti a casa il risultato diventa difficile.

Siamo la squadra che ha concluso di più in porta ma non è bastato, abbiamo dato dimostrazione di grande gioco, ma alla fine sono i risultati che contano. Cos’è successo con Kean e Zaniolo? Alleno una squadra e in una squadra ci sono delle regole. E se queste regole non vengono rispettate in più occasioni, ripeto in più occasioni, un allenatore ha il dovere di intervenire. Sono un allenatore e un educatore di questi ragazzi che sono cresciuti insieme a noi in un certo modo, il fatto di vincere o non vincere è irrilevante rispetto alla squadra che io alleno. Il mio futuro? Ne parleremo tra qualche giorno”.

Info Europei U21 2019

CALENDARIO EUROPEI U21 16-30 GIUGNO 2019

CONVOCATI ITALIA UNDER 21