L’Italia trova subito la vittoria: è 2-0 alla Finlandia con Barella e Kean

L'Italia batte per 2-0 la Finlandia nella prima giornata delle qualificazioni agli Europei 2020: a segno prima Barella e poi Kean

144

Comincia con il piede giusto l’Italia. La formazione di Roberto Mancini vince per 2-0 contro la Finlandia all’esordio nella fase di qualificazione ai prossimi Europei del 2020. Un gol per tempo, prima Barella poi nella ripresa ci pensa Kean. Nel finale una traversa colpita da Fabio Quagliarella, entrato all’80’ al posto di Immobile.

LA CRONACA DELLA PARTITA – Il match inaugurale delle qualificazioni agli Europei del 2020 mette di fronte l’Italia di Roberto Mancini alla Finlandia di Markku Kanerva. L’Italia deve vincere e convincere, anche per dare un segnale di continuità con quanto fatto negli ultimi mesi di 2018 in Nations League. Gli azzurri hanno acquisito una certa identità di gioco, ma ora serve anche portare a casa dei successi. La Finlandia arriva a questo match con l’intenzione di ottenere un risultato positivo. Gli scandinavi ci credono, anche se non sarà di certo facile tornare ad Helsinki con dei punti

Sul fronte formazioni ufficiali, Roberto Mancini schiera i suoi col modulo 4-3-3. Davanti a Donnarumma, spazio per la difesa a quattro con Piccini, Bonucci, Chiellini e Biraghi. In mezzo al campo Verratti, Jorginho e Barella, mentre nel tridente ci sono Bernardeschi, Immobile e Kean. Dall’altra parte Markku Kanerva manda in campo i suoi col modulo 5-3-2. In porta c’è Hradecky con Granlund, Arajuuri, Toivio, Vaisanen, Pirinen in difesa. A centrocampo linea a tre con Lod, Kamara e Sparv, davanti il tandem offensivo è composto dal bomber Pukki e Hamalainen.

Primo tempo, segna subito Barella

Il primo tempo inizia con un’Italia riversata in avanti e il vantaggio che arriva già al 7’: punizione in mezzo messa da Verratti, sulla respinta della difesa finlandese si avventa Barella dal limite che colpisce col destro di contro balzo, deviazione di Vaisanen e palla in rete con Hradrecky spiazzato. Gli azzurri continuano a spingere e al 12’ sfiorano il raddoppio: grande giocata a sinistra di Kean che disorienta un avversario e mette al centro, sul secondo palo c’è Piccini che in acrobazia col destro manda di un soffio a lato. La Finlandia non cambia atteggiamento, restando chiusa in difesa.

L’Italia al 28’ ci prova con un sinistro incrociato dal limite di Bernardeschi che termina fuori. Nel finale di tempo, lo stesso numero 10 azzurro reclama la concessione di un calcio di rigore, agganciato da Vaisanen ma per l’arbitro Grinfeld non c’è fallo. Al 42’ arriva un’altra chance: lancio profondo di Bonucci per Kean, la palla finisce a Immobile che vince un paio di rimpalli prima dell’uscita coi pungi di Hradrecky, poi ancora Kean controlla ma chiude troppo il destro mettendo fuori. Il primo tempo finisce qui.

Secondo tempo, raddoppia Kean

Il secondo tempo si apre senza cambi e con l’Italia sempre in controllo del gioco. Mancini sposta Kean sulla destra e Bernardeschi a sinistra. Proprio il classe 2000 è sempre tra i più attivi, ma un paio di folate sulla destra si esauriscono con un passaggio errato al centro. Al 65’ però la Finlandia nella prima sortita offensiva sfiora il pareggio: affondo sulla destra di Lod, pallone messo al centro dove Pukki sorprende Chiellini e Bonucci ma per fortuna degli azzurri col destro mette a fil di palo. Poco dopo scandinavi ancora in attacco con Lod che spara altissimo dal limite. Al 70’ arriva il primo cambio nella Finlandia con Lappailanen a prendere il posto di Hamalainen.

Gli ospiti prendono fiducia, ma l’Italia al 74’ trova il 2-0: grande azione di Immobile che difende palla a metà campo e poi affonda sulla destra, a quel punto Kean taglia verso il centro ricevendo la splendida assistenza del compagno, davanti a Hradrecky interno sinistro e palla in rete. All’80 Mancini manda in campo, tra l’ovazione della Dacia Arena, Quagliarella per Immobile. E l’attaccante della Samp, appena entrato, sfiora la rete: azione a sinistra e traversone di Bernardeschi al centro, Quagliarella stacca di testa e costringe Hradrecky al super intervento. Poco dopo il numero 21 è ancora pericolosissimo, ma il suo destro di prima intenzione, sul pallone in profondità di Bernardeschi, colpisce una clamorosa traversa. Finisce 2-0 per l’Italia, con l’esordio in azzurro anche di Zaniolo.

INFO EUROPEI 2020

CALENDARIO, DATE E SEDI EUROPEI 2020

GIRONI DI QUALIFICAZIONE EURO 2020 E CLASSIFICHE