L’Italia espugna Tampere e batte anche la Finlandia! La qualificazione ad Euro 2020 è vicinissima

L'Italia vince anche contro la Finlandia, nella sfida della sesta giornata delle Qualificazioni ad Euro 2020: qualificazione vicinissima

esultanza Italia, qualificazioni Euro 2020

L’Italia di Roberto Mancini non si ferma e in Finlandia arriva il sesto successo su sei gare di qualificazione agli Europei del 2020 per gli azzurri, il settimo se consideriamo le amichevoli. Una vittoria per 2-1 che l’Italia ha fatto maturare nel secondo tempo con le reti di Immobile e il rigore di Jorginho, in mezzo il momentaneo 1-1 di Pukki sempre dagli undici metri. La Nazionale è dunque adesso ad un passo dalla qualificazione, che potrebbe arrivare in maniera aritmetica nei match di ottobre contro Grecia e Liechtenstein.

LA CRONACA DELLA PARTITA – Dopo aver vinto rispettivamente contro Grecia e Armenia giovedì scorso, la Finlandia di Markku Kanerva e l’Italia di Roberto Mancini si affrontano, in quel di Tampere, nella sesta giornata del Gruppo J delle qualificazioni agli Europei del 2020. La Finlandia ha iniziato il proprio cammino di qualificazione, proprio sconfitta dall’Italia. Poi però sono arrivate ben quattro vittorie di fila, l’ultima nell’1-0 interno alla Grecia firmata dal rigore di Pukki. Dal canto suo l’Italia ha fatto meglio, con 15 punti e la differenza di aver vinto lo scontro diretto della Dacia Arena di Udine all’andata. Poi altro quattro successi, compreso quello di venerdì scorso a Jerevan contro l’Armenia per 3-1.

Sul fronte formazioni ufficiali, Markku Kanerva manda in campo i suoi col modulo 5-4-1. In porta c’è Hradecky con Granlund, Toivio, Arajuuri, Vaisanen e Uronen in difesa. A centrocampo linea a quattro con Lod, Schuller, Kamara, Lappalainen, mentre davanti l’unica punta è il bomber Pukki. Dall’altra parte Roberto Mancini risponde con l’ormai consueto e classico 4-3-3. Davanti a Donnarumma ci sono Izzo, Bonucci, Acerbi ed Emerson Palmieri. A centrocampo Jorginho regista con Sensi e Barella mezz’ali, mentre nel tridente offensivo Chiesa e Lorenzo Pellegrini ai lati di Immobile.

Primo tempo, all’Italia manca solo il gol

Il match inizia con una buona occasione per la Finlandia al 4’: sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina, Uronen prolunga sul secondo palo dove c’è Toivio che di sinistro mette però alto. Al minuto 8 Mancini è costretto al primo cambio, con Emerson Palmieri costretto ad uscire dal campo per un problema muscolare. Al suo posto dentro Florenzi. Nei primi venticinque minuti regna un grande equilibrio, con i padroni di casa molto attivi e un pressing asfissiante. L’Italia invece gioca su ritmi non esaltanti, facendo partire sempre molto lentamente la propria manovra.

Tuttavia in pochi minuti gli Azzurri creano tre importanti palle gol. La prima al 27’: pallone in orizzontale di Chiesa per Sensi che calcia al volo da fuori area, ma Hradecky compie una prodezza volando sotto la traversa e togliendo il pallone dalla rete. Poco dopo altra trama importante al limite, ma la conclusione di punta di Barella è troppo centrale. Infine alla mezz’ora è Immobile con un colpo di testa, sul cross dalla destra di Chiesa, si perde di un soffio sul fondo. Il finale di tempo è un assedio dell’Italia, ancora vicina al gol prima con Immobile e soprattutto con un violento destro di Sensi al 43’ che sfiora il palo. Poco dopo è invece Hradecky a salvare sul diagonale di Chiesa.

Secondo tempo, Immobile ‘rompe il digiuno’

esultanza Immobile, Finlandia-Italia

Il secondo tempo si apre senza cambi e con ritmi più bassi, ma l’Italia passa in vantaggio alla prima occasione della ripresa. Infatti gli Azzurri sbloccano il risultato al 59′: è Chiesa dalla destra a far partire un cross teso al centro, Arajuuri tocca di quel tanto per mettere fuori causa Toivio e favorire Immobile che è pronto di testa a battere Hradecky. Per lui 8º gol in Nazionale e interrotta un’astinenza durata 10 partite (ultima rete contro Israele il 5/9/17). Il più sembra fatto per l’Italia, che però indietreggia il proprio baricentro.

Un atteggiamento sbagliato che porta i padroni di casa al pareggio al 72’. Sensi perde palla con la ripartenza di Pukki, il centrocampista ritorna atterrando in area il numero 10, per il direttore di gara Madden è calcio di rigore. Dal dischetto lo stesso Pukki calcia centralmente a mezza altezza spiazzando Donnarumma. Subito dopo Mancini manda in campo Bernardeschi per Chiesa e lo juventino si rende pericoloso con una punizione dalla distanza. Al 76’ arriva l’ultimo cambio in casa Italia, con Belotti a rilevare Immobile. Al 79’, però, l’Italia torna in vantaggio. Azione di Belotti sulla sinistra e pallone in mezzo per Sensi, la palla sfila per il destro di Barella intercettato col braccio da Vaisanen. Altro calcio di rigore che Jorginho trasforma con freddezza.

Nel finale l’Italia ha un paio di occasioni con Belotti per chiudere i conti, ma Hradecky salva. Il ct finnico Kanerva si gioca il tutto per tutto, inserendo Touminen e Soiri passando al 4-2-4. Gli ultimi minuti sono un tentativo di assedio dei padroni di casa, ma l’Italia si difende con ordine e sicurezza. Finisce 2-1 per l’Italia, Euro 2020 è ormai ad un passo.

INFO EUROPEI 2020

CALENDARIO, DATE E SEDI EUROPEI 2020

I GIRONI DI QUALIFICAZIONE EURO 2020 E CLASSIFICHE