L’Italia voleva la vittoria e non ha mancato l’appuntamento col successo. Una sorta di spareggio per il primo posto quello contro la Polonia, con gli Azzurri che s’impongono per 2-0 al Mapei Stadium di Reggio Emilia, effettuando il sorpasso in vetta al Gruppo 1 e vedendo da vicino l’approdo alla Final Four della Nations League. Un match deciso con le reti di Jorginho su rigore al 27′ e il raddoppio di Berardi all’83’. Mercoledì prossimo in Bosnia servirà una vittoria per confermare il primato, con la classifica che vede adesso l’Italia con 9 punti, seguita da Olanda a 8, Polonia a 7 e Bosnia a 2.

CRONACA PARTITA – L’Italia torna in campo per il quinto impegno in Nations League e lo fa in casa al Mapei Stadium di Reggio Emilia, sfida cruciale contro la Polonia in ottica primo posto nel gruppo A. Sul fronte formazioni, Roberto Mancini, assente con in panchina Alberigo Evani, manda in campo Donnarumma in porta, con Florenzi, Bastoni, Acerbi ed Emerson in difesa. Davanti a questa Jorginho regista con Locatelli e Barella mezz’ali, mentre nel tridente offensivo ci sono Bernardeschi e Insigne a sostegno di Belotti. Dall’altra parte Jerzy Brzęczek, ct della Polonia, schiera i suoi col 4-2-3-1 in cui Lewandowski è il riferimento offensivo, sostenuto da Szymański, Linetty e Jóźwiak sulla trequarti.

Primo tempo, Jorginho fa 1-0

La prima frazione di gioco vede praticamente solo l’Italia in campo, con una Polonia intenta solamente a difendere. Un po’ il copione già visto il mese scorso, nel match d’andata a Danzica, con gli azzurri a caccia di varchi nella munita difesa biancorossa. Al minuto 8 la prima chance: tacco spettacolare di Barella sul lato destro del campo Bernardeschi, che si accentra e calcia a giro, Szczęsny si allunga e respinge il pallone. La pressione italiana aumenta e al 20′ arriverebbe anche il vantaggio: Barella affonda a destra e mette un pallone teso al centro, Insigne col destro insacca nell’angolino ma Belotti in posizione di offside disturba Szczęsny. E dunque gol giustamente annullato.

gol Jorginho, Italia-Polonia

Tuttavia al 26′ arriva l’episodio che sblocca la partita: sugli sviluppi di un corner, pallone di Emerson in mezzo con Krychowiak che trattiene nettamente Belotti in area. Turpin non ha dubbi e assegna la massima punizione per gli azzurri. Dal dischetto Jorginho spiazza Szczęsny con un destro incrociato e fa 1-0. Nel finale di tempo l’Italia potrebbe anche raddoppiare, ma Belotti alza troppo un sinistro al volo sull’assist da fermo di Insigne, non chiudendo al meglio uno schema da punizione. All’intervallo si va con gli Azzurri avanti di un gol.

Secondo tempo, Berardi chiude i giochi

Il secondo tempo si apre con tre cambi nella Polonia, dentro Zielinski, Grosicki e Goralski. L’Italia riparte bene e al 49′ un destro di Barella dal limite termina di poco a lato. La sfida diventa sempre più spigolosa, anche perché Turpin non sembra essere rigoroso e lascia correre troppo. Il neo entrato Goralski al 64′ interviene in maniera durissima su Belotti, sarebbe espulsione ma l’arbitro francese estrae solo il giallo. Poco dopo primo cambio nell’Italia, con Evani che manda in campo Berardi per Bernardeschi.

Bernardeschi-Linetty, Italia-Polonia

L’1-0 resta un risultato decisamente in bilico, anche se al 77′ Goralski si ‘guadagna’ l’espulsione con un altro fallo a metà campo su Belotti. Turpin estrae il secondo giallo e manda il numero 6 in anticipo sotto la doccia. Al 79′ arriva anche il momento di Okaka, inserito al centro dell’attacco al posto di Belotti. Con l’uomo in più l’Italia gestisce ancor meglio il possesso palla, sfiorando il raddoppio all’81’, ma Bereszynski salva tutto su Emerson. La Polonia non riesce più a tenere e all’83’ arriva lo strameritato 2-0: azione lunghissima degli azzurri con un numero di passaggi altissimo, poi Insigne trova nel corridoio Berardi largo a destra, il numero 11 dopo un paio di finte fredda Szczęsny con un sinistro chiuso sul primo palo. Finisce 2-0, la Final Four adesso è ad un passo.

INFO EUROPEI 2020

CALENDARIO E DATE EUROPEI 2021