UFFICIALE, Manchester City deferito dalla UEFA per il FFP: rischio esclusione dalla Champions League

Il Manchester City è stato deferito dalla UEFA per violazione del Fair Play Finanziario, ecco quali sanzioni rischia il club inglese

E tanto tuonò che piovve. Dopo le indiscrezioni circolate negli ultimi mesi e riprese con forza in questi giorni, è arrivato il deferimento del Manchester City. Il club inglese, fresco trionfatore nella Premier League 2018-2019, è stato infatti deferito dalla UEFA per una ‘potenziale violazione del regolamento sul Fair play finanziario”.

Il comunicato della UEFA

E’ stata la stessa UEFA a comunicarlo tramite una nota ufficiale apparsa sui propri canali. “L’investigatore capo della Camera di Investigazione dell’Organo UEFA di Controllo Finanziario dei Club (CFCB), dopo aver consultato gli altri membri della Camera di Investigazione CFCB, ha comunicato la decisione di deferire il caso Manchester City alla Camera Arbitrale CFCB in seguito alla conclusione delle sue indagini. La Camera di Investigazione del CFCB ha aperto un’indagine sul Manchester City il 7 marzo 2019 per potenziali violazioni delle regolamentazioni sul Financial Fair Play che sono state rese pubbliche in vari media. La UEFA non rilascerà altri commenti al riguardo fino a una decisione da parte della Camera Arbitrale CFCB”.

La vicenda ruota tutta attorno ai documenti emersi da Football Leaks, dove si parla di sponsorizzazioni ‘fittizie’. Queste sarebbero state in realtà versamenti diretti di capitale da parte dell’azionista di controllo. Nello specifico si tratterebbe di 149,5 milioni di sterline garantiti direttamente da Abu Dhabi fino al 2012, ma non solo. Infatti altri 57 milioni sarebbero arrivati nelle casse del City da parte dell’azionista, ma contabilizzate come sponsorizzazioni, anche nel 2013.

La risposta del Manchester City: cosa rischia?

Non si è fatta attendere la replica del Manchester City: “Il Manchester City è deluso ma purtroppo non sorpreso dal deferimento. Le fughe di notizie sui media sono indicative su come si è svolto il processo. Il club è assolutamente fiducioso sul responso positivo quando la questione verrà presa in esame da un corpo giudicante indipendente.

L’accusa di irregolarità finanziarie rimane totalmente falsa e il deferimento ignora una prova inconfutabile fornita dal Manchester City alla Camera giudicante.La decisione contiene errori, interpretazioni sbagliate e confusione a seguito di una mancata base processuale. Rimangono questioni significative irrisolte e sollevate dal Manchester City che ritiene il processo totalmente insoddisfacente, limitato e ostile”.

Così la società inglese rischia seriamente un provvedimento severissimo. Il rischio concreto per la squadra di Guardiola, infatti, è l’esclusione dalle competizioni europee compresa la prossima Champions League, traguardo raggiunto attraverso il trionfo in Premier League. Tuttavia però, come ha scritto il New York Times, le cose potrebbero dilatarsi. Data la lunga istruttoria e l’annesso potenziale contenzioso legale, l’eventuale sanzione non scatterebbe prima dell’edizione 2020/21.

DATE E CALENDARIO CHAMPIONS LEAGUE 2019-2020