Arrivano brutte notizie per il Chelsea, ma che erano nell’aria da tempo. Infatti la FIFA ha ufficialmente sanzionato il club londinese per aver violato le regole sul trasferimento di giovani calciatori minorenni. La federazione calcistica internazionale ha imposto un blocco del mercato alla società inglese per le prossime due sessioni di calciomercato.

Tra i nomi indicati nell’inchiesta c’è anche quello di Bertrand Traoré, 23enne attaccante del Burkina Faso ceduto al Lione nel 2017 per 10 milioni di euro. All’epoca, quando Traoré aveva 15 anni e quindi minorenne, il Chelsea avrebbe violato la normativa in esame. Ossia pagando le scuole al ragazzo nonché agevolando il trasferimento in Inghilterra della madre e del fratello.

Ecco il comunicato della Fifa

Il comitato disciplinare della Fifa ha sanzionato il club inglese Chelsea FC e la Football Association (la federcalcio inglese) per violazioni relative ai trasferimenti e alla registrazione di giovani giocatori minorenni (al di sotto dei 18 anni).

Il Chelsea è stato ritenuto colpevole di aver violato l’articolo 19 dei regolamenti internazionali in ben 29 casi di calciatori minorenni e di aver commesso diverse altre infrazioni in merito ai requisiti per il tesseramento dei giocatori. Il club ha inoltre violato l’articolo 18bis dei regolamenti internazionali in correlazione a 2 accordi conclusi che riguardano calciatori minorenni e che hanno permesso di influenzare diversi altri club in materia di calciomercato.

Il comitato disciplinare ha quindi sanzionato il Chelsea con un blocco del mercato e quindi col divieto di registrare nuovi calciatori sia nazionali che internazionali per per le prossime due complete e consecutive sessioni di calciomercato. La squalifica si applica all’intero club ad eccezione della divisione femminile e di calcio a 5 e non vieta la cessione dei giocatori sotto contratto. In aggiunta il club è stato multato per 600mila franchi svizzeri ed è stato concesso un periodo di 90 giorni per regolarizzare la posizione dei suddetti minori.

Si è inoltre riscontrato che la Football Association ha violato le regole relative ai minori. È stata inflitta una multa di 510 000 franchi svizzeri e concesso un periodo di sei mesi per affrontare la situazione riguardante il trasferimento internazionale e la registrazione dei calciatori minorenni.

La protezione dei minori è un elemento chiave nel quadro normativo complessivo della FIFA relativo al trasferimento dei giocatori e l’effettiva applicazione di queste regole è fondamentale. Come confermato anche in varie occasioni dalla Corte Arbitrale dello Sport (CAS) Le decisioni emesse dalla Commissione Disciplinare sono state notificate oggi e possono essere impugnate dinanzi alla Commissione d’appello della FIFA.”

LE ULTIME NOTIZIE SUL CALCIO ESTERO