Premier League – Manchester City campione, decisivo il successo sul Brighton

Il Manchester City vince la Premier League per il secondo anno consecutivo e arrivano davanti al Liverpool di un punto grazie al successo sul Brighton

51

Si chiude senza grandi sorprese la Premier League. Quest’oggi, infatti, si è giocata la trentottesima e ultima giornata del campionato inglese. A vincere il titolo è il Manchester City, che vince facilmente sul campo del Brighton per 4-1. Il Liverpool, dunque, deve accontentarsi del secondo posto nonostante i 97 punti in classifica. Anche la lotta Champions non riserva sorprese, con il Tottenham che arriva quarto dietro al Chelsea grazie al pari interno contro l’Everton. Arsenal quinto mentre il Manchester United è sesto e ancora sconfitto, in casa contro il Cardiff.

Premier League 2019-2020, date calendario

Premier League, Manchester City campione d’Inghilterra

Il Manchester City vince per il campionato per il secondo anno consecutivo, seppur con maggiore difficoltà rispetto alla scorsa stagione, quando la matematica arrivò con due mesi di anticipo. Questi tutti i risultati e i verdetti della trentottesima giornata di Premier League:

Brighton-Manchester City 1-4: I Citiziens prima tremano per l’iniziale vantaggio dei padroni di casa poi rimontano con i gol di Aguero, Laporte, Mahrez e Gundogan. 98 punti in classifica che regalano il titolo alla squadra di Guardiola mentre il Brighton chiude quartultimo.

Burnley-Arsenal 1-3: I Gunners fanno il loro ma non basta per arrivare in Champions visto che sono quinti ad un punto dal Tottenham quarto. Tra qualche settimana ci sarà la possibilità, però, di qualificarsi vincendo la finale di Europa League contro il Chelsea. Gara decisa dalla doppietta di Aubameyang e il gol di Nketiah, mentre per i padroni di casa il gol porta la firma di Barnes.

Crystal Palace-Bournemouth 5-3: Gara spettacolare con due squadre che avevano poco da chiedere. Doppietta di Batshuayi, autorete di Simpson, Van Aanholt e Townsend le marcature per i padroni di casa, che chiudono con 49 punti in classifica. Lerma, Ibe e King i nomi dei marcatori per gli ospiti che, invece, chiudono a quota 45.

Fulham-Newcastle 0-4: I padroni di casa chiudono una stagione disastrosa, che li vede retrocedere in seconda divisione, al penultimo posto con un brutto ko. I Mugpies si impongono grazie ai gol di Shelvey, Perez, Schar e Rondon e salgono a 45 punti.

Leicester-Chelsea 0-0: Gara scialba, con i Blues che pensano alla finale di Europa League e chiudono al terzo posto con 72 punti. I padroni di casa, invece, chiudono noni con 52 punti.

Liverpool-Wolverhampton 2-0: Gara decisa dalla doppietta di Mane. I Reds chiudono secondi con 97 punti, ad un punto dal City. Wolves settimi con 57 punti e probabilmente in Europa League.

Cade ancora il Manchester United

Manchester United-Cardiff 0-2: Ancora passo falso per il Manchester United, che cade in casa contro una squadra già retrocessa. Gara decisa da una doppietta di Mendez-Laing. I Red Devils chiudono al sesto posto in classifica con 66 punti.

Southampton-Huddersfield 1-1: Padroni di casa in vantaggio con Redmond e pari di Pritchard nella ripresa. Gara con poche motivazioni, con il Southampton che chiude quintultimo con 39 punti, mentre l’Huddersfield è ultimo con 16 punti.

Tottenham-Everton 2-2: Gli Spurs passano in vantaggio con Dier poi tremano andando sotto con i gol di Walcott e Tosun ma ristabiliscono la parità con il gol di Eriksen. Quarto posto per la squadra di Pochettino con 71 punti, a più uno sull’Arsenal. Everton che chiude ottavo con 54 punti, a meno tre dai Wolves.

Watford-West Ham 1-4: Noble, Lanzini, Arnautovic e Noble trascinano gli Hammers, che chiudono decimi con 52 punti. Superati proprio i padroni di casa, a cui non serve la rete di Deulofeu.

CLASSIFICA FINALE: Man City 98, Liverpool 97, Chelsea 72, Tottenham 71, Arsenal 70, Man United 66, Wolves 57, Everton 54, Leicester 52, West Ham 52, Watford 50, Palace 49, Newcastle 45, Bournemouth 45, Burnley 40, Southampton 39, Brighton 36, Cardiff 34, Fulham 26, Huddersfield 16.