La Juventus ha ufficializzato la cessione di Joao Cancelo al Manchester City nella giornata di ieri. Ai bianconeri sono andati il cartellino del laterale brasiliano, Danilo, e un conguaglio economico vicino ai 30 milioni di euro. Cessione importante, che permettere di realizzare una cospicua plusvalenza. La Juve, infatti, aveva acquistato il terzino portoghese l’estate scorsa dal Valencia, versando nelle casse degli spagnoli 40 milioni di euro. Il giocatore, però, ha vissuto un’annata di alti e bassi, con Allegri che gli ha preferito De Sciglio nei match clou. Una rottura confermata anche con l’arrivo di Maurizio Sarri.

Il Manchester City vince la Community Shield

Cancelo si presenta al Manchester City

Il Manchester City realizza un colpo importante con Joao Cancelo. Il laterale portoghese arriva alla corte di Pep Guardiola, con l’obiettivo di migliorare nella fase difensiva, unica pecca viste le sue grandi qualità tecniche. L’ex Inter e Valencia è stato presentato quest’oggi in conferenza stampa. Questi tutti i temi trattati:

Sul trasferimento: “Mi piaceva giocare nella Juve, ma ho sempre saputo che il City fosse interessato e ora sono felice di essere qui”.

I consigli di Bernardo Silva: “Ho parlato con lui tante volte e mi ha sempre descritto questo posto in maniera fantastica. È l’ideale per il mio sviluppo”.

Se ha sentito Guardiola: “No, non abbiamo avuto molto tempo per parlare, oggi c’è stato il mio primo allenamento e ho potuto vedere qualcosa di ciò che vuole. L’idea, fondamentale, è quella di vincere”.

Su Cristiano Ronaldo: “È un mio amico, mi ha aiutato molto alla Juve, è il migliore, una persona straordinaria. Ci sentiamo”.

Addio alla Juve e differenze tra mister

Il terzino del Manchester City ha parlato anche del suo addio alla Juventus:

“Mi piacciono le sfide, so che qui ci sarà la concorrenza di Walker: è un grande giocatore, ma più hai concorrenza e più migliori. Sono di essere il miglior terzino al mondo, e solo allenandomi coi migliori posso diventarlo”.

Vincere di più con il City: “Penso che siano entrambi due grandi club, entrambi vogliono vincere la Champions League. Mi piace il progetto del City, mi piace quello che mi hanno proposto e così ho accettato la Premier League. È un campionato che mi ha sempre affascinato”.

Differenze tra Allegri e Guardiola: “Sono due allenatori molto diversi, con due stili molto diversi. Pep parla molto bene di Allegri, spero che mi aiuterà a migliorare”.

Le ultime notizie sul Manchester City