Simeone conferma: ‘Resto all’Atletico Madrid’

    Il tecnico argentino ha voluto confermare come sarà sulla panchina dei Colchoneros anche nella prossima stagione allontanando i rumors su un possibile addio

    8

    Nelle ultime settimane si erano addensate delle nubi sul futuro di Diego Pablo Simeone sulla panchina dell’Atletico Madrid. Secondo alcuni il ciclo del tecnico argentino era finito e la dimostrazione di ciò era l’eliminazione agli ottavi di Champions League ai danni della Juventus. I Colchoneros, infatti, puntavano molto sulla coppa dalle grandi orecchie vista la finale in programma proprio nel loro stadio, al Wanda Metropolitano. Simeone che, però, ha voluto allontanare questi rumors, confermando come sarà sulla panchina dell’Atletico anche la prossima stagione. L’obiettivo è quello di tornare al successo anche in campionato. La squadra al momento è seconda in classifica con 65 punti, a più quattro sul Real terzo e a meno nove dal Barcellona capolista.

    La conferma di Simeone

    Il futuro di Diego Pablo Simeone sarà ancora sulla panchina dell’Atletico Madrid. A confermarlo lo stesso tecnico argentino, un un’intervista rilasciata ai microfoni di Goal.com:

    Futuro all’Atletico Madrid: “Assolutamente si, dall’età di 24 anni ho iniziato ad essere un giocatore importante per l’Atletico Madrid e da quando sono ritornato ho iniziato nuovamente ad essere importante. Sono sempre grato ai tifosi che attendevano il mio ritorno. Chi pensava che saremmo potuti diventare campioni di Spagna”.

    La gara contro la Juventus: “Non avremmo dovuto perdere come abbiamo perso contro la Juventus? Sì. Ma puoi perdere contro la Juventus? Certamente. Nella loro giornata storta noi abbiamo fatto due goal e sfortunatamente nella nostra giornata storta loro hanno fatto tre goal”.

    Gli obiettivi

    Simeone ha voluto sottolineare anche quelli che sono gli obiettivi dell’Atletico Madrid. In primis si vuole ridurre il lasso di tempo tra la vittoria di un titolo e l’altro. L’ultima volta che i Colchoneros sono diventati campioni di Spagna è stato il 2014, e prima di allora erano passati diciotto anni. Queste le sue parole a riguardo:

    “Non è facile diventare campioni. L’Atletico lo è stato nel 1996 dopo 25 anni quando c’ero io come calciatore e dopo quando sono stato allenatore siamo diventati campioni 18 anni dopo l’ultima volta. La sola cosa che spero è lavorare per essere campioni ogni 5-6 anni, non è facile essere sempre competitivi e lavorare duro per arrivare sempre secondo, terzo, secondo, terzo. Il nostro obiettivo è quello di lavorare per non essere campioni ogni 18 o 25 anni”.

    Le ultime notizie sull’Atletico Madrid