Bundesliga, risultati 26a giornata: Borussia Dortmund e Bayern sempre in testa

La Bundesliga ha giocato la 26esima giornata di campionato: Borussia Dortmund sempre in vetta, risultati e classifica aggiornata

14

La Bundesliga ha giocato i match della 26esima giornata, la nona del girone di ritorno. La prima sfida giocata è stata quella di venerdì 15 marzo e ha visto arrivare un pareggio. La partita valida per l’anticipo del 26° turno tra Borussia Monchegladbach e Friburgo infatti è finita 1-1.

Match deciso nella prima frazione di gioco con la rete ospite di Grifo al 10′ e il pareggio dei padroni di casa al 16′ con Plea. Un risultato che permette ai padroni di casa di restare al posto in classifica in solitaria con 47 punti, mentre gli ospiti salgono a quota 31 lunghezze, undicesimi. Quarto gol stagionale per l’italiano Grifo, che ha festeggiato nel migliore dei modi la nuova convocazione in Nazionale da parte del ct Roberto Mancini (la lista completa dei 29 convocati).

Il Borussia Dortmund

Il match più atteso era però quello che andava in scena alle ore 18:30 all’Olympiastadion di Berlino dove l’Hertha riceveva la visita della capolista Borussia Dortmund. E i gialloneri di Favre devono aspettare sino al minuto 93 per esultare, con la rete decisiva di Reus. Dortmund ancora in vetta con 60 punti.

Solo cinque minuti dal via e l’Hertha Berlino è in vantaggio: conclusione di Mittelstadt che Burki non trattiene e su cui si avventa Kalou a ribadire in rete. Il Dortmund pareggia al 14′ con Delaney: il centrocampista si fa 50 metri indisturbato palla al piede e conclude dal limite dell’area, deviazione fondamentale di Rekik che spiazza Jarstein. Nel finale di tempo però mani in area di Weigl e dal dischetto ancora Kalou non sbaglia per il 2-1 Hertha.

Ad inizio ripresa arriva quasi subito il 2-2: calcio d’angolo battuto da Sancho, su tutti svetta Zagadou e la piazza nell’angolino di testa. L’Hertha Berlino nel finale resta in dieci per la doppia ammonizione a Torunarigha, con Delaney che colpisce una clamorosa traversa all’88’. Quando sembra tutto finito, Marco Reus la decide al 93‘ sfruttando al meglio un’altra giocata bellissima di Sancho. L’Hertha resta anch in 9 per il rosso diretto a Ibisevic, finisce 3-2 per il Dortmund.

Gli altri risultati, il Lipsia allunga al terzo posto

Nei match delle ore 15:30 già andati agli archivi, il Lipsia di Ralf Rangnick si è imposto per 1-0 sul campo dello Schalke 04, fresco di esonero di Domenico Tedesco dopo lo 0-7 subito ad Etihad Stadium contro il Manchester City. La contesa della Veltins Arena è stata decisa al minuto 14 da Timo Werner. Con questo successo il Lipsia ha allungato al terzo posto con 49 punti, mente lo Schalke è ormai in zona retrocessione a quota 23 e con sole tre lunghezze sullo Stoccarda.

Proprio quest’ultimo ha pareggiato per 1-1 in casa alla Mercedes Benz Arena contro l’Hoffenheim. Vantaggio ospite con Kramaric al 42′, pareggio dei padroni di casa con Zuber al 66′. Sempre nella zona rossa della classifica, successo importantissimo per 3-1 dell’Augusta contro il fanalino di coda Hannover, salendo a quota 25 punti. Infine goleada interna del Wolfsburg di Labbadia nel 5-2 al Dusseldorf, con i biancoverdi adesso con 42 punti in piena zona Europa League.

I posticipi di domenica

Nelle restanti sfide ancora da giocare, domenica 17 marzo si sono disputati tre posticipi. Alle ore 13:30 il Bayer Leverkusen è stato sconfitto in casa per 3-1 contro il Werder Brema, mentre alle 15:30 l’Eintracht Francoforte ha piegato 1-0 il Norimberga. Infine alle 18:00 il Bayern Monaco ha ‘disintegrato’ per 6-0 all’Allianz Arena il Magonza, con una tripletta di James Rodriguez, poi sigilli di Lewandowski, Coman e Davies.

Classifica Bundesliga 26esima giornata

Borussia Dortmund 60 punti, Bayern Monaco 60, Lipsia 49, Borussia M’Gladbach 47, Eintracht Francoforte 46, Bayer Leverkusen 42, Wolfsburg 42, Werder Brema 39, Hoffenheim 38, Hertha Berlino 35, Fortuna Dusseldorf 31, Friburgo 31, Mainz 30, Augsburg 25, Schalke 23, Stoccarda 20, Hannover 14, Norimberga 13.

CLASSIFICA MARCATORI BUNDESLIGA 2018-2019