La quindicesima tappa del Giro d’Italia 2019, che prevedeva 232 km con partenza da Ivrea e arrivo in quel di Como, è stata vinta da Dario Cataldo, che ha battuto in volata Cattaneo. Ta i big invece, la maglia rosa Carapaz e Nibali staccano e guadagnano terreno su Roglic, in pratica 40 secondi.

Inizio tappa e fuga di giornata

In avvio di tappa parte la fuga di giornata e a metterla in atto sono Dario Cataldo (Astana) e Mattia Cattaneo (Androni-Sidermec). Dopo un primo tentativo del gruppo di chiudere, i due sono stati lasciati andare via per un vantaggio che si è subito dilatato andando oltre i 6 minuti. Il traguardo volante di Busto Arsizio viene vinto da Cataldo, mentre un forte pioggia condiziona la corsa. Nel frattempo sale a 15′ il vantaggio di Cataldo e Cattaneo, mentre in testa al gruppo tirano due corridori della Movistar.

Tuttavia il vantaggio di Cataldo e Cattaneo scende drasticamente, sotto l’impulso della Mitchelton-Scott che si mette in testa al gruppo a tirare. Chiaro l’obiettivo di provare a far vincere Simon Yates e ai meno 85 km dal traguardo il distacco dalla fuga scende a 12’40”. Il gruppo va sempre più forte e ai meno 65 km al traguardo, è di 8’45” il margine per Cataldo e Cattaneo, mentre si scala il Gpm della Madonna del Ghisello. La Bahrein-Merida di Nibali si mette a tirare, facendo selezione.

L’ascesa del Civiglio e l’arrivo a Como

Tutta l’attesa è per l’ascesa del Civiglio, ma le scintille partono già sulla Colma di Sormano con Yates che attacca, trovando la risposta di Landa, Carapaz, Nibali e Roglic. Ai meno 45km dal traguardo il britannico riparte e prova ad allungare. Una volta scollinati, ai meno 38 km dal traguardo, Cataldo e Cattaneo hanno 4’12” di vantaggio sul gruppo maglia rosa, dopo aver ripreso Yates.

Ma sul Civiglio si accende la corsa: Cattaneo e Cataldo al comando, ma dietro è Nibali a scattare due volte e portarsi dietro Carapaz. Invece Landa e Roglic accusano il colpo e si staccano. Carapaz e Nibali transitano sul GPM con 58″ di ritardo dai fuggitivi, ma con 23″ su Landa e Roglic. Quest’ultimo poi è vittima di una caduta nella discesa, mentre Nibali prova ad allungare anche su Carapaz, ma il venezuelano non molla. La volata finale è vinta da Dario Cataldo, mentre dietro Yates, Carapaz, Landa e Nibali guadagnano terreno su Roglic.

ORDINE DI ARRIVO: Cataldo, Cattaneo, Yates +0′.11″, Carthy +0′.11″, Carapaz +0′.11″, Nibali +0′.11″, Lopez +0′.36″, Majka +0′.36″, Pozzovivo +0′.36″, Landa +0′.36″, Formolo +0′.51″, Mollema +0′.51″ e Roglic +0′.51″.

La classifica generale dopo la 15a tappa

  
1CARAPAZ RichardMOVISTAR TEAM64h 24’ 00” 0’ 00”
2ROGLIC PrimozTEAM JUMBO – VISMA64h 24’ 47” 0’ 47”
3NIBALI VincenzoBAHRAIN – MERIDA64h 25’ 47” 01’ 47”
4MAJKA RafalBORA – HANSGROHE64h 26’ 35” 02’ 35”
5LANDA MEANA MikelMOVISTAR TEAM64h 27’ 15” 03’ 15”
6MOLLEMA BaukeTREK – SEGAFREDO64h 27’ 38” 03’ 38”
7POLANC JanUAE TEAM EMIRATES64h 28’ 12” 04’ 12”
8YATES Simon PhilipMITCHELTON – SCOTT64h 29’ 24” 05’ 24”
9SIVAKOV PavelTEAM INEOS64h 29’ 48” 05’ 48”
10LOPEZ Miguel AngelASTANA PRO TEAM64h 29’ 55” 05’ 55”
11ZAKARIN IlnurTEAM KATUSHA ALPECIN64h 30’ 57” 06’ 57”
12FORMOLO DavideBORA – HANSGROHE64h 32’ 46” 08’ 46”
13MADOUAS ValentinGROUPAMA – FDJ64h 38’ 27” 14’ 27”
14CARTHY Hugh JohnEF EDUCATION FIRST64h 38’ 38” 14’ 38”
15DOMBROWSKI Joseph LloydEF EDUCATION FIRST64h 38’ 52” 14’ 52”

PERCORSO, TAPPE E DATE GIRO D’ITALIA 2019