23 Luglio 2024
Home » Ultime notizie » Dal futuro di Theo Hernandez al piano per Camarda: Ibrahimovic svela la strategia del Milan

Dal futuro di Theo Hernandez al piano per Camarda: Ibrahimovic svela la strategia del Milan

Esultanza gol Theo Hernandez, Milan-Atalanta

Zlatan Ibrahimovic ha parlato in conferenza stampa quest’oggi per presentare il progetto del Milan Futuro, la squadra Under 23 che giocherà in Lega Pro. Un progetto importante che permetterà ai giovani talenti di crescere con maggiore rapidità rispetto a quanto succederebbe con la Primavera. Il senior advisor di Gerry Cardinale ha trattato diversi temi dando indicazioni anche sul fronte mercato.

Il futuro di Theo Hernandez al Milan

In primis Zlatan Ibrahimovic ha fatto capire ancora una volta come Theo Hernandez non lascerà il Milan in questa sessione estiva di calciomercato. Inoltre lo svedese ha anche sottolineato chi sarà il suo vice sulla fascia sinistra nella prossima stagione:

“Il vice di Theo sarà Jimenez. Se non giocherà in prima squadra giocherà nel Milan Futuro, è questo il vantaggio. Un anno non fa non avrebbe avuto minuti in campo, ora può giocare e avere minuti e questo è molto importante. Prendere il posto di Theo non mi sembra facile, ma allo stesso tempo ti dobbiamo dare modo di crescita. Senza Milan Futuro in allenamento non cresci. Per giocare devi essere più forte di Theo, è molto difficile. Col Milan Futuro puoi dargli minuti. Poi non è Serie A, ma crescerà. Quindi sì, sarà il vice di Theo”.

La crescita di Camarda

Zlatan Ibrahimovic in conferenza stampa ha sottolineato anche come Francesco Camarda non sia pronto a ricoprire il ruolo di numero 9 del Milan, spiegandone anche i motivi:

“Se fosse pronto, Camarda sarebbe il nostro 9 oggi. Dobbiamo proteggerlo, i sogni sono un’altra cosa. Lui deve concentrarsi sul crescere, in campo e fuori dal campo. Dobbiamo proteggerlo, abbiamo una grande responsabilità. Per il 9 della Prima Squadra parleremo da lunedì. L’idea è preparare la strada per Camarda da oggi per entrare in Prima Squadra. In Serie C i difensori lo tratteranno male sportivamente parlando… Poi se lo toccano entro io in campo (ride, ndr). Ma non è giusto dargli tutta la responsabilità ora. Su di lui crediamo tanto. È diventato un professionista, ha firmato il contratto, deve continuare una scuola online: sta andando tutto molto veloce, quindi è importante che lui diventi uomo. È un bambino ancora”.

Le ultime notizie sul Milan

Info autore


>>MIGLIORI BOOKMAKER NON AAMS