23 Luglio 2024
Home » Ultime notizie » Euro 2024, la Germania concede il bis: Croazia raggiunta dall’Albania al 95′

Euro 2024, la Germania concede il bis: Croazia raggiunta dall’Albania al 95′

Esultanza Gundogan e Musiala, Germania-Ungheria

In questo mercoledì 19 giugno si giocano tre partite valide per gli Europei 2024, che vanno ad aprire la seconda giornata della fase a gironi. Il programma comincia con Croazia – Albania alle ore 15:00 in quel di Amburgo, per poi proseguire col match Germania Ungheria alle ore 18:00 a Stoccarda. Infine, con fischio d’inizio alle ore 21:00, la sfida Scozia Svizzera in quel di Colonia.

Croazia – Albania 2-2

Alle ore 15:00, per il secondo turno del Gruppo B, è andata in scena la sfida del Volksparkstadion di Amburgo tra Croazia e Albania. E alla fine è maturato uno spettacolare pareggio col punteggio di 2-2.

Nel primo tempo decisamente meglio la formazione di Sylvinho, che trova il gol del vantaggio al minuto 11: Asani riceve sulla destra, si porta la palla sul mancino e mette in mezzo per Laci, il numero 14 albanese sfugge a Brozovic e di testa infila un Livakovic non esente da colpe. I croati giocano in maniera compassata, l’Albania ha un altro ritmo e spreca due grandi occasioni per raddoppiare, prima con Asslani (decisivo Livakovic) e poi con Manaj.

La ripresa inizia con Dalic che opera due cambi, inserendo Pasalic per Brozovic e Sucic per Majer. E la musica cambia. L’Albania si difende e basta, la Croazia attacca a testa bassa e ribalta il punteggio. Il gol dell’1-1 arriva al minuto 74 con Kramaric, servito da Budimir, quello del sorpasso al 76’ con l’autorete di Gjasula (dopo un rinvio di Djimsiti).

L’Albania reagisce e al 90’ sfiora il pari con Hoxha, ma Livakovic salva. La Croazia continua a difendersi ma lo fa a dir poco male e al 95’ arriva il gol del 2-2: azione che si sviluppa sulla sinistra, Hokha serve Mitaj che mette al centro, Gjasula col mancino non sbaglia. Nei minuti finali di recupero le due squadre si sbilanciano a caccia della vittoria, ma finisce 2-2.

Germania – Ungheria 2-0

Alle ore 18:00 si giocava invece Germania – Ungheria alla MHPArena di Stoccarda, nel secondo turno del Girone A. I tedeschi di Julian Nagelsmann hanno vinto per 2-0, con le reti di Musiala e Gundogan, mettendo le mani sulla qualificazione agli ottavi di finale.

Un match che i tedeschi hanno sempre controllato, anche se l’Ungheria ha avuto le proprie chance (restando in partita sino a metà ripresa). La Germania parte forte e crea un paio di occasioni, riuscendo a sbloccare il risultato al minuto 22: cross basso di Wirtz, poi Musiala imbuca per Gundogan che restituisce poco dopo il pallone al numero 10 tedesco, Gulacsi interviene ma lascia lì la sfera e il trequartista del Bayern non perdona.

Poco dopo Neuer salva i suoi sulla punizione bellissima di Szoboszlai, poi Musiala sfiora la doppietta. Nella ripresa parte bene l’Ungheria e al 60’ Varga, da favorevolissima posizione, mette alto di testa mancando il gol del pari. La Germania, scampato il pericolo, torna in avanti e al 67’ arriva il 2-0: Musiala vede l’inserimento a sinistra di Mittelstadt, pallone arretrato per il mancino di Gundogan che trafigge Gulacsi. Nel finale l’Ungheria sfiora il gol della bandiera, ma Gazdag viene murato sulla linea da Kimmich. Finisce 2-0 per la Germania.

Scozia – Svizzera 1-1

A chiudere, con fischio d’inizio alle ore 21:00, ScoziaSvizzera si è chiusa sul punteggio di 1-1 al RheinEnergieStadion di Colonia. Sono gli scozzesi a partire con un piglio migliore e al 12’ passano in vantaggio, con un’azione che parte da un calcio d’angolo battuto malissimo dagli svizzeri. E così parte il contropiede dei britannici, poi McGregor sembra sbagliare il controllo ma è bravo a servire all’indietro McTominay, il centrocampista dello United calcia centralmente ma la deviazione di Schar beffa Sommer.

Tuttavia la Svizzera reagisce bene, anche se per trovare il gol dell’1-1 al 26’ serve un clamoroso errore degli scozzesi: retropassaggio infelice di Ralston che dà il pallone all’indietro senza accorgersi dell’arrivo di Shaqiri, il numero 23 fa partire un sinistro fantastico di prima intenzione che si spegne all’incrocio dei pali.

Gli elvetici sfiorano anche il sorpasso con Ndoye al 32’, ma il destro a botta sicura dell’attaccante del Bologna trova la grande risposta di Gunn. E in avvio di ripresa ancora Ndoye protagonista, ma questa volta in negativo, divorandosi il gol del 2-1 sparando a lato davanti a Gunn. Dall’altra parte però Scozia pericolosissima al 67’, con McKenna che colpisce un clamoroso palo di testa a Sommer battuto. Finisce 1-1.

Articoli Correlati

ACCOPPIAMENTI, DATE E ORARI OTTAVI DI FINALE EURO 2024

CALENDARIO COMPLETO FINO ALLA FINALE DI EURO 2024

PROSSIME PARTITE EURO 2024, DOVE VEDERE IN CHIARO

Info autore


>>MIGLIORI BOOKMAKER NON AAMS