Home » Serie A, Inter travolgente al “Maradona”: per il Napoli duro ko

Serie A, Inter travolgente al “Maradona”: per il Napoli duro ko

Gol Barella 0-2, Napoli-Inter

La quattordicesima giornata della Serie A 2023/2024, dopo i tre match del sabato, è proseguita in questa domenica 3 dicembre con cinque partite. L’ultima di queste, molto attesa, ha visto l’Inter imporsi nettamente per 3-0 contro un Napoli ancora una volta sconfitto davanti al proprio pubblico. In precedenza la Roma di Mourinho ha battuto per 3-1 l’Udinese, salendo al quinto posto della graduatoria. Nelle due sfide delle ore 15:00 la Fiorentina ha travolto la Salernitana per 3-0 al Franchi, mentre Udinese e Verona hanno pareggiato nel pirotecnico 3-3 finale. Infine, all’ora di pranzo, pareggio per 1-1 tra Lecce e Bologna allo stadio Via del Mare.

Napoli – Inter 0-3

Il primo tempo del “Maradona” parte con un gran tiro di Elmas che Sommer riesce a deviare in corner. Dopo un gol di Thuram, annullato per offside, al 16′ De Vrij alza bandiera bianca per un problema muscolare e al suo posto entra Carlos Augusto. La pressione dei partenopei aumenta col passare dei minuti, ma l’Inter si difende con ordine. Anche se, al minuto 36, Sommer viene salvato dalla traversa sul gran sinistro da fuori di Politano. La risposta dei nerazzurri è immediata, con Meret che salva su Lautaro Martinez al 39′. Tuttavia al 44′ l’Inter passa in vantaggio: lungo traversone di Dimarco che pesca Dumfries, sponda all’indietro per Barella che, con una sorta di velo, innesca il poderoso radente destro di Calhanoglu che batte Meret.

La ripresa si apre senza cambi e al 58′ il Napoli va vicinissimo al pari: dopo un contatto dubbio in area tra Acerbi e Osimhen, il pallone finisce a Kvaratskhelia che si “beve” Dumfries e scarica un diagonale mancino che Sommer riesce a deviare con un intervento prodigioso. Evitato l’1-1, l’Inter torna in avanti e al 62′ arriva il gol dello 0-2: Carlos Augusto serve Lautaro Martinez sulla sinistra, che alza la testa e serve al centro l’inserimento di Barella, stop, slalom tra Ostigard e Natan prima di battere Meret. Il Napoli “sbanda” e al 67′ Lautaro Martinez si divora lo 0-3, sparando alto con la porta “spalancata”. Poco dopo dentro Raspadori per Politano, ma per il Napoli è notte fonda e all’85’ Thuram chiude i conti con la rete del 3-0. I nerazzurri tornano in vetta con 35 punti, a più due sulla Juventus.

Sassuolo – Roma 1-2

Il primo posticipo domenicale ha visto la Roma imporsi in rimonta per 2-1 sul campo del Sassuolo, infilando la sesta vittoria nelle ultime otto e restando a contatto con la zona Champions League. Dopo un primo tempo chiuso sotto 1-0 per la rete al 25′ di Matheus Henrique, i giallorossi hanno potuto giocare con l’uomo in più dal 62′ per l’espulsione diretta di Boloca (brutto fallo su Paredes). La pressione dei capitolini è così aumentata, trovando la rimonta con le firme di Dybala al 76′ (rigore) e di Kristensen all’82’ (mancino deviato in maniera decisiva da Ruan).

Gol Kristensen, Sassuolo-Roma

Al termine del match vinto dai suoi ragazzi al Mapei Stadium, il tecnico José Mourinho ha commentato (parlando solo in portoghese): “Posso finalmente dire che la squadra ha mostrato lo stesso atteggiamento per tutta la partita, abbiamo iniziato bene e terminato bene. Non ero scontento di Karsdorp e Bove, ma ho ritenuto che il risultato richiedesse di avere energie diverse con Azmoun e Kristensen. La Roma è in zona Champions, come ci si sente? Aspettiamo il risultato di Napoli-Inter per vedere se finiremo la giornata in zona Champions. Io voglio sempre che l’Inter vinca, oggi ho un motivo in più, ma è evidente che il Napoli ha le qualità per vincere e in quel caso resteremmo al 5° posto. Noi abbiamo fatto il nostro e se alla fine della giornata saremo quarti o quinti non toglierà nulla alla nostra allegria per una vittoria sofferta.”

Fiorentina ok, Udinese-Verona 3-3 | Pari a Lecce

Nelle altre sfide, quelle giocate tra le ore 12:30 e le 15:00, iniziamo dal netto successo casalingo della Fiorentina nel 3-0 con la Salernitana. Il match del Franchi è stato indirizzato da viola già un primo tempo chiuso sul 2-0, con le reti di Beltran su rigore (5′) e Sottil (18′). Poi, in avvio di ripresa, il tris di Bonaventura ha chiuso i conti, per un risultato che ha portato i gigliati a quota 23 punti e lasciato i campani in ultima piazza a quota 7.

Finisce invece con un pareggio per 3-3 lo spettacolare incontro del Bluenergy Stadium tra Udinese e Verona. Partenza lanciata dei friulani che volano sul 2-0 con le reti di Kabasele (16′) e Lucca (30′), tuttavia gli scaligeri rialzano la testa col rigore di Djuric (37′) e la splendida rovesciata di Ngonge (61′). Ma non è finita qui, visto che ancora Lucca al 72′ porta avanti i bianconeri e al 97′ Henry pareggia in extremis per i gialloblù. Il lunch match ha visto infine arrivare un pareggio per 1-1 tra Lecce e Bologna: vantaggio rossoblù con Likogiannis al 68′ e pari salentino di Piccoli su rigore al minuto 100.

Info Serie A 2023/2024

CALENDARIO COMPLETO SERIE A 2023/2024

LA CLASSIFICA DI SERIE A

PROSSIMO TURNO SERIE A

CLASSIFICA MARCATORI SERIE A

Info autore