Home » Ultime notizie » L’Italia conquista la qualificazione a Euro 2024! Basta lo 0-0 della BayArena contro l’Ucraina

L’Italia conquista la qualificazione a Euro 2024! Basta lo 0-0 della BayArena contro l’Ucraina

Raspadori durante Ucraina-Italia

L’Italia di Luciano Spalletti con uno 0-0 alla BayArena di Leverkusen contro l’Ucraina, centra la qualificazione diretta agli Europei del 2024 in Germania. Un match giocato bene per 60 minuti, ma senza riuscire a trovare il gol nonostante le diverse occasioni. Poi la sofferenza finale e un “lunghissimo brivido” al 93′, col contatto in area azzurra tra Mudryk e Cristante non valutato fallosamente dall’arbitro Gil Manzano e dal VAR. L’Italia vola agli Europei, per l’Ucraina ci sarà una ulteriore possibilità di farlo tramite i playoff.

FORMAZIONI UFFICIALI UCRAINA – ITALIA – Dando uno sguardo alle formazioni ufficiali, Luciano Spalletti punta come previsto sempre sul modulo 4-3-3 con questi 11 iniziali: Donnarumma in porta, Di Lorenzo, Acerbi, Buongiorno e Dimarco in difesa. A centrocampo il trio formato da Barella, Jorginho e Frattesi, mentre in avanti spazio per la “sorpresa” Zaniolo e Chiesa sulle fasce con Raspadori punta centrale. Dall’altra parte 4-2-3-1 per Sergei Rebrov, con Tsygankov, Sudakov e Mudryk alle spalle di Dovbyk.

Primo tempo, 0-0 alla BayArena

Si comincia su ritmi altissimi e con l’Ucraina molto aggressiva. La formazione di Rebrov attacca, ma la prima grande chance è per l’Italia al 7′: Dimarco scambia con Raspadori. Il suo cross sul secondo palo trova la torre di Zaniolo e serve Chiesa che spara fuori. Gli ucraini rispondono e al 14′ Donnarumma deve dire no al destro da fuori di Tsygankov. Anche il portiere di casa Trubin si fa trovare pronto al 16′ sul destro di Barella e lo 0-0 non si schioda.

Gli Azzurri prendono campo col passare dei minuti, sfiorando il gol al 28′ con Di Lorenzo che mette di poco fuori un colpo di testa. E, subito dopo, Frattesi si divora la rete del vantaggio: contropiede con Chiesa che pesca nello spazio il centrocampista dell’Inter, abile ad entrare in area ma la sua conclusione mancina è troppo debole per superare Trubin che intercetta. L’Italia spinge e al 32′ arriva un’altra enorme occasione: tacco di Dimarco che innesca Chiesa, il suo affondo corsia di sinistra si chiude con un pallone rasoterra verso il centro dell’area per Raspadori che non ci arriva di un soffio. All’intervallo è dunque 0-0.

Frattesi e Trubin durante Ucraina-Italia

Secondo tempo, finisce 0-0

La ripresa si apre con un cambio ordinato da Spalletti, dentro Scamacca e fuori Raspadori. La Nazionale azzurra comanda il gioco in avvio, pur non riuscendo a creare grandi pericoli. Ci prova Chiesa al 59′ con un destro a giro, ma la sfera finisce a lato. L’Ucraina resta sorniona, ma al 66′ sfiora il vantaggio: direttamente da rimessa laterale, la difesa azzurra non interviene, Donnarumma compreso, il pallone finisce a Mudryk che calcia col sinistro ma l’estremo difensore italiano salva tutto.

Al minuto 72 Spalletti opera altri due cambi, inserendo Politano per Zaniolo e Cristante per Jorginho. Ovviamente più passano i minuti e più la tensione sale, dato che lo 0-0 è risultato sufficiente all’Italia per qualificarsi all’Europeo ma con l’Ucraina invece costretta solo a vincere. All’81’ spazio per Kean al posto dello sfinito Chiesa, aumentando ancora la fisicità in avanti. La stanchezza prende il sopravvento, ma il vero rischio, enorme, che l’Italia corre arriva al 93′: finisce a terra Mudryk all’interno dell’area di rigore, sull’intervento in ritardo di Cristante. Per nostra fortuna l’arbitro Gil Manzano e il VAR non intervengono. Finisce 0-0 e l’Italia potrà difendere in Germania il titolo vinto nel 2021 a Wembley.

Articoli correlati Euro 2024

CALENDARIO ITALIA PARTITE QUALIFICAZIONI EURO 2024

QUANDO SI GIOCANO GLI EUROPEI? CALENDARIO, DATE INIZIO E FINE

Info autore