23 Luglio 2024
Home » Ultime notizie » Il Bayern Monaco porta a casa la sesta Champions League della propria storia! Nulla da fare per il PSG

Il Bayern Monaco porta a casa la sesta Champions League della propria storia! Nulla da fare per il PSG

esultanza Bayern Monaco, Champions League

Il Bayern Monaco supera 1-0 il PSG grazie al gol di Coman e si aggiudica la Champions League 2019-2020. E così i bavaresi hanno completato alla grande un’annata straordinaria, con la squadra di Hans Flick ha conquistato il Triplete: Bundesliga, Coppa di Germania e Champions League. Grande delusione invece in casa parigina, sconfitta nella sua prima finale di Champions, con Neymar e Mbappé che sono rimasti ancora a secco, sprecando anche due occasioni abbastanza clamorose per segnare.

CRONACA PSG-BAYERN MONACO – Sul fronte formazioni ufficiali, Thomas Tuchel punta sul 4-3-3 preventivato alla vigilia. Davanti a Navas ci sono Kehrer, Kimpembe, Thiago Silva e Bernat, con Herrera, Marquinhos e Paredes a metà campo. In avanti ci sono invece Mbappé e Di Maria ai lati di Neymar, con Icardi relegato in panchina. Dall’altra parte Hans Flick punta sul 4-2-3-1 preventivato alla vigilia, con una sola novità. Davanti a Neuer ci sono Kimmich, Boateng, Alaba e Davies, con Goretzka e Thaigo Alcantara a metà campo. In avanti ci sono invece Gnabry, Muller e Coman (al posto di Perisic) alle spalle di Lewandowski.

Primo tempo, parità all’intervallo

Si inizia subito con un Bayern Monaco che pressa alto e mette in difficoltà il PSG, non concedendo spazi per innescare Mbappé e Neymar. I bavaresi in realtà non costruiscono pericoli, anzi al 18′ è il PSG a sfiorare il vantaggio: Neymar entra in area di rigore ma la sua conclusione viene respinta di piede da Neuer, poi sempre quest’ultimo è bravissimo a mettere in angolo con il tentativo dalla linea di fondo del brasiliano che aveva cercato Di Maria. Al 22′ arriva la risposta tedesca: Lewandowski riceve palla in area di rigore, si volta velocemente e calcia verso Keylor Navas ma il pallone impatta contro il montante e non entra.

Gnabry-Bernat, PSG-Bayern Monaco

La partita si accende e su una ripartenza francese, Di Maria spara alto da buona posizione e nell’occasione Boateng accusa un problema muscolare, al suo posto dentro Sule. Il match resta in equilibrio, con Navas chiamato in causa e ad un intervento in due tempi, sul colpo di testa di Lewandowski. Nel finale però grandissima chance sciupata da Mbappé: errore della difesa del Bayern, con Alaba che innesca Herrera in area, dopo uno scambio il suo passaggio a rimorchio è per l’ex Monaco che calcia debolmente favorendo la parata di Neuer. All’intervallo si va sullo 0-0, con una protesta del Bayern per un intervento di Keherer ai danni di Coman in area, non ritenuto falloso da Orsato.

Secondo tempo, trionfa il Bayern Monaco

Il secondo tempo si apre senza cambi e con due squadre che si temono, consapevoli che un errore potrebbe diventare fatale. Salgono di tono anche gli animi, con Orsato costretto ad ammonire Gnabry, per un fallo su Neymar, e Paredes, per una protesta eccessiva. All’improvviso però, minuto 60, il Bayern Monaco passa in vantaggio: cross morbido di Kimmich dal lato destro dell’area di rigore sul secondo palo dove sbuca Coman. Il suo colpo di testa si insacca nella porta di Navas. I bavaresi non si fermano, capendo il momento difficile dei parigini, sfiorando il raddoppio ancora con l’ex Juve, ma questa volta Thiago Silva salva i suoi.

Arrivano anche dei cambi, con Perisic e Coutinho a rilevare Coman e Gnabry. Nel PSG invece Tuchel manda in campo Verratti prima e Draxler poi. Il tempo stringe, il PSG attacca e l’occasione per pareggiare arriva al 68′: giocata fantastica di Di Maria, pallone imbucato per Marquinhos, ma la girata dell’ex Roma trova prontissimo Neuer.

Gli ultimi minuti sono concitati, anche perché ce ne sono cinque di recupero. E al 92′ i transalpini vanno ad un passo dal pari: Verratti innesca Mbappé a sinistra che vede il taglio di Neymar al centro, il brasiliano controlla sull’uscita di Neuer ed effettua un tiro cross su cui Choupo-Moting manca la zampata vincente. E così non c’è più tempo, il Bayern porta a casa la Champions da imbattuta e con 11 vittorie in 11 partite. Null’altro da aggiungere.

Info Champions League

CALENDARIO CHAMPIONS LEAGUE 2020-2021

Info autore

Lascia un commento


>>MIGLIORI BOOKMAKER NON AAMS