Home » Ultime notizie » Real Madrid, rottura tra Solari e Isco: ecco il motivo

Real Madrid, rottura tra Solari e Isco: ecco il motivo

Stagione traballata quella che sta attraversando il Real Madrid, che in Champions League si è assicurato la vittoria del girone con una giornata di anticipo battendo la Roma allo stadio Olimpico. In campionato, però, il rendimento è di gran lunga al di sotto delle aspettative. I blancos, infatti, attualmente sono sesti in classifica con 20 punti, a sei lunghezze dal Siviglia capolista. L’ultima giornata, poi, ha lasciato in eredità un nuovo caso relativo alla rottura tra Isco e il tecnico, Santiago Solari, chiamato a sostituire Julen Lopetegui, esonerato dopo i risultati conseguiti in questa prima parte della stagione.

Retroscena Real Madrid, il motivo della rottura tra Isco e Solari

Ha fatto molto discutere l’esclusione di Isco per il match di Champions League contro la Roma. Il fantasista spagnolo, infatti, è stato relegato in tribuna allo stadio Olimpico ma, inizialmente, era perfino previsto che rimanesse in Spagna. Esclusione legata alla rottura tra il giocatore e il tecnico del Real Madrid, Santiago Solari. Spuntano i retroscena sul motivo per cui c’è stata questa rottura. Dopo la pesante sconfitta subita in campionato nell’ultimo turno contro l’Eibar per 3-0, infatti, l’allenatore argentino ci ha tenuto comunque a stringere la mano a tutti i giocatori man mano che entravano negli spogliatoi. Al suo arrivo, però, Isco avrebbe però rifiutato la stretta di mano. Un episodio che ha causato tensioni e ha portato Solari a prendere drastiche decisioni. C’è chi dice che Solari avesse deciso inizialmente di lasciarlo a Madrid, escludendolo anche dai convocati per Roma. Poi c’è chi sostiene che il tecnico fosse intenzionato inizialmente a sorvolare sull’accaduto. Alla fine, però, l’argentino ha deciso di mandarlo in tribuna dando un segnale importante allo spogliatoio.

Cessione a giugno

La rottura tra Isco e Solari ha alimentato i rumors di mercato intorno al fantasista spagnolo. Il giocatore ha estimatori in tutta Europa, con tanti club che hanno fatto già qualche sondaggio. Anche in Italia ci sono club interessati, su tutti Inter, Roma e Juventus (come avevamo accennato qui). Il Real Madrid, però, al momento fa muro e non sembra intenzionato a trattare la cessione del classe 1992. Il contratto in scadenza a giugno 2022, tra l’altro, mette in una posizione di forza il club di Florentino Perez, con quest’ultimo da sempre grande estimatore di Isco. E come successo la scorsa estate con Luka Modric, se il presidente decide di opporsi alla cessione di un suo giocatore difficilmente torna sui suoi passi.

LE ULTIME NOTIZIE SUL REAL MADRID

Info autore

Lascia un commento