Home » Ultime notizie » Milan, respinto il ricorso per Higuain: salta Lazio e Parma

Milan, respinto il ricorso per Higuain: salta Lazio e Parma

Giornata molto importante in casa Milan, che attendeva l’esito del ricorso per la squalifica afflitta a Gonzalo Higuain dal Giudice Sportivo. L’ex giocatore di Napoli e Juventus è stato squalificato per due giornate dopo il cartellino rosso ricevuto in Milan-Juventus. Il centravanti argentino ha reagito in malo modo al direttore di gara, contestando un fallo a centrocampo. Una reazione figlia anche della tensione accumulata per tutta la gara. Un match in cui il Pipita ha sbagliato anche un calcio di rigore, che poteva valere il momentaneo pareggio della squadra rossonera.

Squalifica Higuain, la sentenza della Corte d’Appello

La Corte sportiva d’Appello si è espressa poco fa sul ricorso del Milan relativo alle due giornate di squalifica comminate a Gonzalo Higuain dal giudice sportivo dopo l’espulsione ricevuta durante il match contro la Juventus. La Corte ha deciso di respingere il ricorso presentato dalla società rossonera. Le giornate di squalifica, dunque, restano due. L’attaccante argentino, dunque, dovrà saltare le sfide di campionato contro la Lazio, in programma domenica alle ore 18 allo stadio Olimpico, e contro il Parma, in programma allo stadio Meazza domenica alle ore 12:30. Il suo rientro è previsto per la gara casalinga contro il Torino, in programma sempre al Meazza, la domenica successiva alle 20:30, valido per la quindicesima giornata di campionato.

La motivazione del Giudice Sportivo

Il Giudice Sportivo ha motivato così la squalifica di due giornate nei confronti del centravanti argentino del Milan, Gonzalo Higuain:

“Proteste nei confronti degli Ufficiali di gara (Terza sanzione). Per condotta gravemente irriguardosa nei confronti del Direttore di gara, essendosi avvicinato al medesimo, all’atto dell’ammonizione per proteste al 38° del secondo tempo, in modo scomposto e minaccioso, e avendo reiterato platealmente le proteste al momento dell’allontanamento dal terreno di giuoco”.

E proprio la condotta gravemente irriguardosa, e non violenta, ha salvato il Pipita da una squalifica più pesante come quella comminata qualche anno fa dopo un Udinese-Napoli. Restano due, quindi, le due giornate in cui il tecnico Gennaro Gattuso dovrà fare a meno del proprio centravanti.

LE ULTIME NOTIZIE SUL MILAN

Info autore

Lascia un commento